Tutti gli articoli di CopyWriter

Coronavirus

Chi c’è dietro al corona virus?

E se il coronavirus fosse solo una gigantesca operazione di marketing?
Chi ci guadagna se stiamo tutti a casa in quarantena?
Chi trae vantaggio dal panico collettivo?
Quale cospirazione c’è dietro?

Coronavirus powered by

chi c è dietro il coronavirus app food delivery cibo a casa
la lobby delle app che ti portano il cibo a casa
chi c è dietro il coronavirus shopping online e corrieri espresso consegne a domiciliol’associazione del commercio elettronico feat. i corrieri espresso riuniti
chi c è dietro il coronavirus mascherine mascherina anti contagio funziona
le industrie di mascherine riunite
chi c è dietro il coronavirus liquido disinfettante per le maniil cartello dei produttori di liquidi disinfettanti per le mani
chi c è dietro il coronavirus smartworking lavorare da casa in remoto
le aziende che sviluppano software per lo smart working
chi c'è dietro il coronavirus serie tv quali serie vedere
i produttori di serie tv infinite
chi c è dietro il coronavirus virologi che vogliono avere sempre ragionei virologi scontrosi che vogliono avere sempre ragione
chi c è dietro il coronavirus big pharma industrie farmaceutiche multinazionali
gli scienziati che hanno già il vaccino e stanno aspettando per metterlo sul mercato
corona virus powered by la portinaiala portinaia che non vuole tu scenda le scale quando le ha appena fattecoronavirus scuole chiuse bambini a casa maestre in vacanzai comitati di maestre che vogliono scuole chiuse, bambini a casa e vacanze extracoronavirus cinesi cinese cinai cinesi, tutti, indistintamente
coronavirus notizie giornali giornalisti
la lega giornalisti e giornalai uniti per vendere più copie
corona virus pensionati enti previdenziali enti pensionistici
gli enti che non possono permettersi di pagare la pensione a tutti
corona virus supermercati supermarket spese pazze
la lobby dei supermercati che avevano finito le offerte civetta
coronavirus penne lisce pastai venditori di penne lisce che vogliono il massimo spazi a scaffale

Un fake news è una fake news.

Anche se la leggi su internet.
Anche se la condividono in tanti.
Anche se la dice uno che sembra tanto una brava persona.
Anche se la dietrologia è uno sport completo.
Anche se i politici la rilanciano.
Anche se una teoria del complotto è la spiegazione più semplice.
Anche se al bar la sostengono tutti.
Anche se pensare che dietro ci siano dei cattivi ci fa sentire più buoni.
Anche se lo dice tuo cugino.
Anche se dare la colpa a qualcuno è sempre confortante.
Anche se fare di tutta l’erba un fascio è tanto facile.
Anche se verificare le fonti è più complicato di condividere di getto.
Anche se a furia di ripeterla sembra vera.
Anche se non è sempre facile distinguerla da una notizia vera.

Campagna per la prevenzione di fake news e dietrologie nei giorni del Coronavirus.

Copywriter: Luca Bartoli, Milano
Art director: Andrea Sanapo, Roma

Condividere questo post non vaccina dai virus,
ma previene il proliferare di fake news intorno a te.

Facebook Twitter Email
Condividi

Web copywriting

Scopri come scrivere sul web
(calcolando che chi ti legge online è uno stronzo).

Sì, subito dopo “web copywriting“, ho scritto “stronzo” e sì, tu stai leggendo. Forse, non ce l’avevo esattamente con te. O forse sì.
Mentre provi a capirlo, ti informo che:

“Ci sono almeno 7 problemi con cui ogni web copywriter deve necessariamente fare i conti. Per fortuna, le soluzioni sono molte di più.”

Una premessa: se pensi di trovare qui una guida facile facile al web copywriting con formule “magiche” da copiare e incollare hai completamente sbagliato link, pagina, sito e pure persona. Abbandona pure, clicca da un’altra parte, fatti un’altra ricerca e, soprattutto, fallo senza scoprire perché ti avrei dato dello str*nzo all’inizio.

Quindi mi hai dato davvero dello stronzo? 

E senza scoprire a cosa serve davvero il testo online, se è proprio necessario e, soprattutto, le soluzioni alle questioni che, se scrivi sul web, prima o poi, devi porti.

I 7 migliori problemi del web copywriting.

Sì, ho scritto “migliori” anziché peggiori, un po’ perché sono un ottimista e un po’ perché penso che porteli prima e risolverli poi possa fare di te un web copywriter migliore.

Vedremo…

Queste questioni sono estremamente pratiche e sono tutte legate ai comportamenti che mette in atto chi legge online:

  1. il lettore giudica la tua pagina e il tuo sito in pochi secondi
  2. il lettore legge “disordinatamente” la pagina
  3. i lettori vogliono tutto e subito (anche Google, tra l’altro)
  4. il lettore è egoista ed egocentrico, come te
  5. il lettore è poco attento a quello che legge online, si distrae facilmente e, spesso, sta facendo altro
  6. Il lettore potrebbe non essere sempre d’accordo con quello che legge
  7. il lettore arriva prevenuto sulla tua pagina

Più che una guida sul web copywriting, cerchi un web copywriter in carne e ossa per i testi del tuo sito?

Secondo te io ho tempo per leggermi e studiare queste cose!?

Se più che per capire come scrivere online, sei finito qui perché stai cercando un web copywriter, qualcuno che scriva per te, un professionista che si occupi dei testi del tuo sito, ci scusiamo per il disguido: la Signoria Vostra è pregata di cliccare su info@lucabartoli.info o su Contattami inviando la Vostra graditissima richiesta (di preventivo).

Quindi, se fossi un potenziale cliente, saresti improvvisamente gentile con me? Mi sa tanto che lo “stronzo” sei tu, Luca.


Sei un web copywriter o vuoi diventarlo e vuoi capirci di più? Oppure vuoi capire cosa chiedere e come giudicare il lavoro di chi scrive per te?

Se sei interessato a vedere insieme i problemi insiti nel web copywriting (e una serie di possibili soluzioni), o a scoprire perché ti sei beccato dello stronzo a gratis – grazie a un artificio retorico paragonabile alla scritta “scemo chi legge” su un muro – continua pure a leggere, così, te lo spiego subito. Anzi, non vado neppure a capo – anche se dovrei farlo – per dirti che lo stronzo non è riferito a te personalmente.
Si riferisce in generale al lettore sul web e il giudizio non è mio personale: è, al contrario, il punto di vista dello scrittore online. Ok, in questo caso sono io, la prossima volta potresti essere tu, visto che sei interessato al tema del web copywriting e lo sei abbastanza da essere arrivato fin qui a leggere.

Beh, in effetti è il motivo per cui sto leggendo questa pagina…

Una premessa: a cosa serve il web copywriting?

“Il testo online ha varie funzioni. Essere letto tutto è solo una di queste. Raramente la più importante.”

Scrivere su un sito – si tratti dei testi dell’homepage, di una pagina interna fissa o di un post – può servire a vari scopi. In ordine di importanza:

  • presentare prodotti o servizi offrendo la possibilità di leggere e approfondire, per risultare più convincente e spingere a compiere un’azione, come un acquisto o una richiesta di preventivo – come hai appena visto – a una mail di contatto
  • mostrare e dimostrare competenza in un certo tema/argomento, condividendo informazioni e conoscenze, magari sotto forma di guida
  • favorire l’indicizzazione del sito e della pagina sui motori di ricerca e, successivamente, la loro ottimizzazione
  • prevenire richieste ricorrenti da parte dei potenziali clienti (evitando così di rispondere sempre alle stesse domande), considerando anche la possibilità di linkare una sezione specifica come risposta (magari mascherata da approfondimento)
  • essere letto, in modo selettivo, dai visitatori online

Da quello che abbiamo appena visto è evidente che

“La lettura di un testo online dall’inizio alla fine rappresenta un’eccezione e non la regola.”

Questo, tra l’altro, ti offre uno strumento pratico pratico per capire se qualcuno – magari un professionista della comunicazione – ne capisce di web copywriting oppure no. Obiezioni come “È troppo lungo” o “Chi vuoi che se lo legga tutto?” sono da considerare come tromboni d’allarme, spie fluorescenti che evidenziano una scarsa comprensione delle dinamiche online.

Cavolo è proprio quello che stavo pensando di questo testo.

Una seconda premessa: il testo online è proprio necessario?

“Una pagina senza o con poco testo è penalizzata dagli utenti e dai motori di ricerca.”

diminuire la frequenza di rimbalzo con il web copywriting

Come stiamo per vedere il visitatore giudica la tua pagina in pochi secondi. Quindi se non trova subito conferma dell’aver cliccato sul sito giusto  molto probabilmente abbandonerà il tuo sito – immagina che disdetta se quel click l’hai pagato attraverso un’inserzione – e tu hai buttato parte del tuo budget, oltre a un’occasione per vendergli i tuoi prodotti, i tuoi servizi o le tue idee.

Chiaro e mi è chiaro che, quando scrivi, ti diverti anche a usare la “leva dolore”.

Come evitarlo?
La presenza di un testo focalizzato sui suoi interessi, originale e chiaro – come stiamo per vedere – è uno dei migliori modi per “prevenire” questo spreco, noto come “frequenza di rimbalzo“.

E i motori di ricerca cosa c’entrano?

ottimizzazione e web copywriting

L’assenza o l’insufficienza di testo si rivela deleteria anche dal punto di vista del traffico organico (quello aggratis, che aggratis non è mai). Google e gli altri motori utilizzano il testo per capire di cosa parla la tua pagina (quindi in quali ricerche mostrare il tuo sito) e, insieme ad altri fattori, quanto è meritevole di essere mostrato in alto o in ennesima pagina tra i risultati per una determinata ricerca.

“Quindi, come abbiamo appena visto, il testo online è necessario e svolge varie funzioni”.

Appurato, chiaramente, che il web copywriting sia utile e indispensabile, mi sembra giusto rendere altrettanto chiara la chiave di lettura di questa guida.


Per una legittima difesa dello scrittore online.

il web copywriting è la legittima difesa dello scrittore

Voglio impostare questa guida – né l’unica né la migliore, semplicemente la mia – come un “corso di difesa professionale” per chi scrive online. Questo perché, nel silenzio della sua cameretta (o più probabilmente in bagno), spesso, con il suo smartphone, il lettore web mette in atto tutta una serie di comportamenti che mortificano l’impegno dello scrittore e scoraggiano anche il copywriter più motivato. Da cui lo “stronzo” di cui sopra.

NOTA BENE: i problemi che affronteremo sono pochi e universali, nel senso che prima o poi chiunque scrive online deve farci i conti (e se non li fa, peggio per lui/lei e per chi gli/le ha commissionato i testi del sito). Le soluzioni possibili invece sono tante e quelle che ti presento qui sono solo “le mie”. Tu, naturalmente, potresti trovarne di migliori e di più efficaci, nel caso, segnalamele.
Scorrendo il documento trovi i problemi numerati con #1, #2, #3… e le soluzioni indicate con a), b), c)…
Tra l’altro, scrivendotelo, premio il tuo essere un lettore che legge i NOTA BENE. Se tu non lo fossi, probabilmente, nel resto del documento ti sentiresti smarrito e sopraffatto dagli eventi.

Luca, sai che hai veramente un pessimo carattere?

Problema web copywriting #1: il lettore giudica la tua pagina e il tuo sito in pochi secondi.

Ma pochi quanti?

Le ricerche in quest’ambito parlano mediamente di 7 secondi, praticamente quelli necessari a leggere 2 o 3 righe, se sono scritte grandi e non c’è da scrollare.

Soluzione da web copywriter a) “Di’ subito al lettore quel che vuol sentirsi dire.”

titoli web copywriting

Da che pulpito viene la predica, mi hai dato dello str… all’inizio e ora te ne esci con “di’ subito quello che il lettore vuol sentirsi dire?”

La risposta è “Sì” e, se vuoi, te lo spiego. Partiamo dal problema: se ci pensi è una cosa che fai anche tu, soprattutto quando atterri su un sito dopo una ricerca sui motori. In pratica, cosa fai o cosa hai fatto?

  • fai una ricerca, in questo caso “web copywriting” o “come scrivere online” o una cosa simile
  • clicchi sul link che ti “ispira di più” – certo più in alto esce il sito più probabile che tu – per pigrizia – ci clicchi. Questo riguarda l’ottimizzazione seo, tema già sfiorato e che farei entrare in questa pagina giusto il necessario, anche perché questa non è una guida al seo copywriting
  • a ogni modo, arrivato sulla pagina e sul sito su cui hai cliccato, hai necessità di capire subito:
  1. se si parla di quello che a te interessa
  2. se il come se ne parla è per te rilevante

informazione e web copywriting

Per questo è necessario dosare con cura due delle virtù più importanti per chi scrive (anche offline):

  • chiarezza
  • originalità

Ti ho scritto “dosare” perché troppa chiarezza spesso è sinonimo di un testo banale, mentre troppa originalità spesso porta a un testo criptico.

Facendo un esempio concreto che ti riguarda: sei arrivato su questa pagina – forse cliccando su un link che introduceva il tema o forse facendo una ricerca sull’argomento – e in pochi attimi hai letto in sequenza “web copywriting“, “scrivere sul web” e “web copywriter“. Da qualche parte, a un qualche livello – conscio, inconscio, vocina o angioletto consigliere del bene/diavoletto del male – il tuo cervello ha registrato “Sì, si parla di quello che mi interessa” e prima che passasse alla domanda successiva ovvero “Se ne parla in modo originale o sarà la solita banale gui..” ti è arrivato uno “stronzo” che ha colpito la tua attenzione quel tanto che è bastato a farti leggere fin qui. E fin ora hai letto un sacco, fidati.

Ok, ti seguo, ma ‘sta roba come la applico concretamente?

Ora te lo spiego, con la metafora del semaforo rovesciato.

Pillola di web copywriting #1: Go and stop!

tecnica del semaforo web copywriting

Naturalmente, non sempre puoi permetterti di essere così sopra le righe e dare dello “stronzo” al lettore/potenziale cliente.

Di volta in volta, devi adattare la soluzione al tono di voce e alle aspettative del tuo lettore ideale: l’importante è mixare quello che il visitatore cerca, cosa lo ha portato sul tuo sito e cosa si aspetta, che lo fa andare avanti (GO) con la lettura e un elemento che attiri la sua attenzione, lo incuriosisca e/o gli faccia capire che quello è il miglior sito su cui poteva finire e/o gli strappi un sorriso e/o qualunque cosa che lo faccia fermare (STOP) sulla tua pagina.

In caso contrario, anche se quella è la pagina meglio scritta del web, lui se ne andrà. Ecco qualche esempio pratico, per la cronaca si tratta degli incipit (primissime righe, quasi sempre titoli) di alcuni siti che ho curato personalmente:

OPISAS. Investimenti Immobiliari ad Alto Rendimento.
Scopri come puoi investire oggi stesso in immobili in grado di offrirti rendite nette annue dal 6% all’11%, oltre alla loro rivalutazione

Il marketing sportivo secondo me.
Sono Maurizio Laudicino e, da alcuni anni, mi occupo di marketing sportivo (calcio, basket, tennis, volley)…

Traduttore inglese, italiano e non solo.
Cerchi un traduttore madrelingua per traduzioni italiano-inglese, inglese-italiano o altre lingue? Scopri perché affidarti a una traduttrice naturale.

Alba. Diamo forma alle vostre idee.
Cercate portachiavi completamente personalizzati, gadget unici e idee regalo originali?
Benvenuti nel nostro laboratorio creativo.

Discoteche Versilia
Richiedi informazioni e riserva la tua serata con un click.
Prenota alle migliori condizioni in TUTTE le discoteche tra Forte dei Marmi e Viareggio☎ 347.477.477.2 – anche via SMS o WhatsApp.

Se cercate una casa di lusso, siete nel posto giusto.
Solo i migliori immobili di pregio sul mercato, dai centri storici alle località di vacanza, con Maison Magnifique.

TANDEM Communication Partner.
Produzione per aziende, agenzie e professionisti.
“Se c’è da produrre, pedaliamo per voi.”

Costruiamo business celebrity.
Gli specialisti del personal branding.
Stand out è la prima agenzia di servizi integrati per il personal branding.

Valuta il tuo immobile con VendiCasaMilano.com
Vuoi vendere casa a Milano? Scopri quanto vale.
Inserisci i tuoi dati e ricevi una valutazione immobiliare in un’ora.

Catering with love. Food, Friends, Passion.
Affidate il vostro evento a chi vi offre eccellenze gastronomiche, cura dei vostri ospiti e crea tutte le condizioni perché trionfi il vostro amore.

Notaio Gianfranco De Vanna,
il Notaio per i patrimoni di famiglia

7 Giorni per volare ‘Live Show’
Il corso dove poter approfondire il metodo dei 7 giorni
Vuoi imparare come sfruttare il tuo Talento Liquido e migliorare il tuo business?
Impara in soli due giorni

Italexit.
Come sopravvivere all’uscita dell’Italia dall’Euro.
Idee semplici semplici per proteggersi e persino guadagnarci.

Bilocale affitto Milano.
Cerchi un bilocale a Milano in affitto, magari da un privato, risparmiando così le spese d’agenzia?
Quello che stai per scoprire non è un immobile appena ristrutturato con 2 locali + cucina (separata) in affitto a Milano: questa è la casa dei tuoi sogni (se la stai cercando per 1 persona o siete una coppia senza figli).

Copywriter freelance.
Stai cercando un copywriter? Che incredibile coincidenza
: lo hai appena trovato ed è pure freelance.

Poi personalmente, mi sono divertito a portare tutto questo all’estremo sulla mia homepage, “giocando” con il lettore:

Hai cliccato sul sito giusto?
Esattamente quello che ti stai chiedendo, in questo momento, vero?
Ora, ho io un paio di domande per te ⇩
Cerchi un copywriter?
Qualcuno che si occupi dell’ottimizzazione SEO del tuo sito o delle tue campagne?
Un professionista a cui affidare la comunicazione tua o della tua azienda?
Congratulazioni: l’hai appena trovato.

Come vedi non c’è una regola o una formula fissa e, soprattutto, non devi necessariamente dare dello “str…” al lettore per colpire la sua attenzione.

Quindi all’inizio ce l’avevi proprio con me?!

A volte, è sufficiente affermare a chi cerca qualcosa, che tu di quel tema o di quella categoria di prodotti o servizi sei lo specialista o che per quello di cui è alla ricerca tu puoi offrirgli il meglio. E naturalmente, in entrambi i casi, devi dimostrarglielo.
La coerenza e la congruenza online sono importantissime: tutto quello che scrivi è una promessa e alla prima incongruenza il lettore perde fiducia in te, pensa che tu sia un cazzaro o anche peggio che tu lo voglia fregare.

Come hai visto, per farlo fermare sulla tua pagina puoi anche strappargli un sorriso, catturando la sua attenzione e simpatia. In realtà, puoi scrivere tutto quello che pensi possa funzionare per incuriosirlo e stimolarlo a continuare a leggere, se riesci a farlo in poche righe.

Soluzione da web copywriter a.bis) “Se conosci le keywords che più probabilmente portano il lettore sul tuo sito, usale: sono le migliori parole GO!

Direi che questa sotto-soluzione è così chiara, che te lo dico a fare…

Beh, sì. In effetti…

Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami.


Problema web copywriting 2) il lettore legge “disordinatamente” la pagina.

Bravissimo/a! Sei riuscito con una soluzione, con uno stratagemma, con una serie di titoli che mostrano tutta la tua arguzia a tenere il visitatore sul tuo sito e a bypassare il problema “il lettore giudica la tua pagina e il tuo sito in pochi secondi“. Complimenti, hai vinto! 

Hai vinto un nuovo problema: per quanto impegno tu abbia messo nello scrivere il testo, ci sono alte probabilità che lui lo legga così:

lettura online e web copywriting

Col cavolo che mi metto a scrivere se poi mi leggono così…

E quella che hai appena visto è la migliore delle ipotesi. Visto che potrebbe leggerti anche così:

lettura siti e web copywriting

A meno che l’art director/grafico/webmaster di turno, non abbia dei conigli nel cappello e tu, naturalmente, non abbia fatto nulla per inimicartelo.

migliorare il web copywriting

Un po’ meglio, dai.

Come avrai intuito e come confermano le ricerche:

“Le persone, più che leggere le pagine, le scansionano alla ricerca delle informazioni che vogliono.”

In fondo, non è quello che fai anche tu? Sii sincero/a.
E ha anche la sua logica:

“La lettura online è poco piacevole, non rilassante, faticosa, il tempo è poco e l’attenzione è ancora più scarsa.”

Beh, in effetti se ho voglia di leggere, leggo un libro. Sul web prendo informazioni.

Un problema squisitamente online.

Che io sia riuscito a convincerti che questa “ottimizzazione della lettura” che fa il tuo visitatore non sia così grave o non ci sia ancora riuscito, questo comportamento è una di quelle questioni che suscitano più frustrazione agli autori online che vedono mortificato il loro lavoro e il loro impegno.
Ora capisci che definire il lettore “uno stronzo“, dal punto di vista dello scrittore, non è una esagerazione? Tra l’altro, questo problema è tipico del mezzo digitale, quindi, non ha mai tolto il sorriso agli scrittori del passato e agli scrittori contemporanei analogici.

alessandro manzoni e i problemi del web copywriting

Te lo immagini Alessandro Manzoni mentre scrive i Promessi sposi e s’immagina che dei suoi “25 lettori”: 10 si auto-spoilerino il finale scrollando il libro fino in fondo, 5 leggano solo i capitoli pari mentre chattano, 5 leggano solo l’inizio dei capitoli dispari mentre condividono stories su Instagram. Ne restano 5 di cui 2 guardano solo le figure, 1 confronta la versione originale del Fermo e Lucia, schreenshotta tutto e grida al komplotto giudaico-massonico-fiorentino, 1 si perde su Wikipedia cercando informazioni sul Lago di Como e l’ultimo, di fronte all’amore tra Renzo e Lucia, chiude il libro e va su YouPorn.

Soluzione da web copywriter b) permetti a chi ti legge di leggere il tuo testo a modo suo.

lettura libertà e web copywriting

So che sembra una mezza resa, in realtà, per restare in tema di “difesa personale” è una sorta di aikido della scrittura:

“Se so cosa il lettore farebbe in ogni caso, posso sfruttare questa sua tendenza a mio vantaggio.”

Al di là di questa premessa, levati il cappello del prossimo scrittore web e indossa quello dell’utente online: se stai leggendo queste parole, dovrebbe essere abbastanza semplice.
Ora che lo indossi, non è la libertà la cosa più bella del web (oltre che della vita)?
A mio modesto parere:

“La possibilità dell’utente di crearsi il suo personale percorso di lettura/fruizione delle informazioni – saltando da un sito all’altro e all’interno dello stesso sito, attraverso link e non solo – è la più grossa figata di internet.”

Prova a pensare a quante pagine web/condivisioni social/notizie online guardi e leggi ogni giorno e al fatto che quella sequenza sia “la tua” e ti appaia naturale anche e, soprattutto, perché sei tu a crearla e ad averne il totale controllo. Pensa, invece, a quanto hai la sensazione di perderlo per un attimo questo controllo: magari si apre un sito, un video o qualcosa di inatteso o che non volevi si aprisse – il più delle volte è qualcosa di porno, lo so – ecco, ti scazzi subito (se non ti incazzi proprio) e cerchi all’istante di chiuderlo in tutta fretta .
Per rendere ancora più chiaro questo esempio, pensa al flusso di pagine web/status/didascalie delle foto/notizie di un giorno qualsiasi, tipo ieri. Ora immagina di rivedere tutto, per ore, proiettato a qualche centimetro da te, senza averne alcun controllo… Peggio che vedere le diapositive della vacanza di un parente, vero?

libertà internet e web copywriting

Quindi più che i contenuti in sé, è il fatto che vedere quei contenuti siano frutto di una scelta a renderli interessanti e piacevoli, oltre alla certezza di averne sempre il controllo.

Ora per sfruttare a tuo vantaggio tutto questo, devi permettere al lettore di leggere il tuo testo a modo suo. E, per farlo, devi concepire in modo diverso la scrittura, partendo da una constatazione:

“La lettura ordinata e sequenziale online è una rarissima eccezione. E questo va trasformato in un vantaggio per chi scrive sul web.”

Per prima cosa, suddividi il testo in sezioni e, magari, in sottosezioni autonome. Quando lo hai fatto, accetta e gioisci del fatto che ognuno si vada a leggere solo quello che gli interessa di più in quel momento. Quindi è disposto a darti tutta la sua attenzione solo per una piccola porzione di ciò che hai scritto. E potrebbe essere la porzione decisiva.

Per farti un esempio concreto, se vedendo i problemi elencati all’inizio di questa guida, tu avessi pensato “chissene frega se il lettore giudica in pochi secondi, quello che mi manda in sbattimento è che chi lo fa legge disordinatamentemolto probabilmente staresti leggendo queste parole e non avresti letto quanto ho scritto prima. E questo non deve essere un problema, né per me né per te, anzi è una figata.

Soluzione da web copywriter c) “Utilizza gli elementi attenzionali per guidare l’attenzione.

Lo hai visto in pratica fin ora, qui vale la pena esplicitarlo. Ci sono degli elementi che attirano l’attenzione:

  • foto
  • animazioni
  • titoli più grandi e più piccoli
  • domande dirette
  • parole chiave in grassetto
  • elenchi numerati
  • elenchi puntati

“In pratica, tutto quello che rompe la monotonia della lettura, se lo usi consapevolmente e in modo contestuale, la facilita.”

elementi attenzionali e web copywriting

Soluzione da web copywriter d) “Favorisci la navigazione tra i blocchi con link interni alla pagina.

Se sopra abbiamo parlato di Aikido della scrittura, qui raggiungiamo la cintura nera. E la conquistiamo sfruttando la tendenza del lettore a leggere in modo “disordinato” e rendendogli ancora più semplice farlo.

il web copywriting come l'aikido

Tipo? Fammi un esempio concreto!

Lo stai leggendo l’esempio, forse da 2 minuti o forse da 2 ore. Comunque, voglio essere generoso, quindi ti spiego cosa ho fatto per facilitare la navigazione per blocchi. Per farlo devi masticare un minimo minimo di html, o trovare qualcuno che lo mastichi per te.

Come inserire “link interni” nella tua pagina, come ho fatto io in questa.

Per prima cosa ogni “problema” presentato in questa pagina è stato formattato come “un’ancora html“. Niente di complicato, semplicemente anziché scrivere:
<h2>Problema web copywriting 2) il lettore legge “disordinatamente” la pagina.</h2>
ho scritto:
<h2 id=”disordinatamente”>Problema web copywriting 2) il lettore legge “disordinatamente” la pagina.</h2>
poi altrove ho inserito dei link che puntavano a questa ancora:
<a href=”#disordinatamente“><strong>il lettore legge “disordinatamente” la pagina</strong></a>
Naturalmente al posto di disordinatamente puoi usare qualunque altra combinazione di lettere o numeri, e il testo (di partenza) link non deve necessariamente coincidere con il testo (di arrivo).

Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami.


Problema web copywriting 3) i lettori (e anche Google) vogliono tutto e subito.

Ma non erano i giovani?

Immagina di arrivare su un sito alla ricerca di un’informazione specifica o di un prodotto o di un servizio che hai in mente e di capire in pochi secondi che lì potrebbe esserci, scansioni (leggi disordinatamentela pagina ma non riesci a trovarlo… Cosa fai? Con ogni probabilità abbandoni il sito per ripetere la ricerca e guardarne un altro.

Ecco, immagina che in quell’esatto momento, il proprietario del sito esca dallo schermo e ti dica “Hey, quanta fretta (ma dove corri, dove vai)… bastava che tu cliccassi nel menu di primo livello, poi nel sotto menu, poi nel sotto-sotto-menu e l’avresti trovato.
servizio assistenza sul sitoMolto probabilmente – anche se non vivi a Milano – la tua risposta sarebbe qualcosa di simile a “Troppo sbattimento, zio“. Calcola che “zio” l’ho aggiunto per farti sorridere, quindi puoi farlo.

A me “zio” non fa sorridere, zio.

Ti sembra un esempio esagerato? Eppure, è quello che accade in un sacco di siti di e-commerce: quasi tutto il traffico – per questione di ottimizzazione e indicizzazione – è concentrato sulla home che per scelte stilistiche si è deciso di lasciare “pulita”. Scelta estetica che si trasforma in suicidio a livello di marketing online, visto che come scritto altrove il testo in una pagina è utile sotto vari punti di vista ed è comunque necessario. L’errore, in questi casi, è sopravvalutare la motivazione del visitatore e potenziale cliente, che non ha voglia di fare troppi click e sbattersi per trovare quello che stava cercando.

“O il visitatore trova tutto e subito su un sito o piuttosto fa un’altra ricerca.”

In effetti…

Oltretutto, come ti ho accennato, dal punto di vista della SEO la home è la principale pagina del sito per Google e per gli altri motori di ricerca – e la loro missione è offrire ai propri utenti i migliori risultati in ordine. Ora domandati e risponditi, perché una home “pulita” dovrebbe passare avanti a una pagina che tratta quello stesso argomento in modo originale e ampio? Un po’ come fa una pagina di wikipedia.
Se ti sembra una domanda banale, sappi che

“Circa il 90% dei siti italiani ha troppo poco testo in homepage e questo lo limita sia dal punto di vista dei motori di ricerca sia dal punto di vista dell’esperienza utente.”

A conferma di tutto questo, sempre più siti (di ecommerce, soprattutto) offrono assistenza online per la navigazione, attraverso simpatici pop up che dopo pochi attimi ti chiedono “Serve un aiuto?
In realtà stanno ammettendo “Lo sappiamo che il nostro sito è troppo incasinato e per niente intuitivo, quindi in questo momento stiamo pagando (almeno) una persona per aiutarti a trovare le cose. Se no, non le vendiamo…

Soluzione da web copywriter f) porta in homepage quello che vuoi che il lettore trovi più facilmente.

La funzione del sito è presentare (si scrive così, si legge “vendere”) i tuoi servizi? Sei un fotografo o un artista o simili e pensi di conquistare il potenziale cliente con alcuni dei tuoi migliori scatti, quadri o campagne pubblicitarie?
Pensi che il miglior modo di raccontare cosa puoi fare per qualcuno sia mostrare cosa hai fatto per altri?
Hai dei prodotti che ti interessa spingere più di altri perché si vendono più facilmente o perché hai maggiori margini?
Vendi immobili e hai case da sogno nel tuo portfolio?
Pensi che leggendo chi sei e la tua storia le persone si appassioneranno (io ne dubito visto che il lettore è interessato a sé, non a te)?
Offri servizi esclusivi che i tuoi concorrenti non sono in grado di offrire?
Sei così bravo/a a fare quello che fai che hai ricevuto importanti premi e riconoscimenti?
Hai un video quasi ipnotico che ti mostra al lavoro?
Il tuo lavoro è comunicare in modo coinvolgente per vendere?

Se hai detto anche un solo sì, di qualunque cosa si tratti

“Rendi facile per chi arriva sul tuo sito, per la prima volta e senza voglia di sbattersi, trovare subito quello che più probabilmente lo può convincere a rivolgersi a te o a comprare sul tuo sito.”

Il rivolgersi a te passa attraverso una telefonata, una mail o un modulo di contatti?

Beh, certo.

Non delegare alla pagina contatti la possibilità di interagire con te.
Metti il tuo numero di telefono e/o la tua email e/o il modulo contatti belli facili da trovare e cliccare.

Il comprare passa da una pagina shop diversa dall’homepage?

Può essere…

Vai dal tuo webdesigner o dall’agenzia che ti ha messo su il sito, prendi in ostaggio il suo disco fisso dei backup o il loro server e minaccia di distruggere tutto se non fanno della pagina shop la tua homepage.

Una volta gliel’ho chiesto, mi hanno detto che avere una home pulita è meglio e hanno messo lo shop su un’altra pagina…

Vai (armato) dal tuo webdesigner o dall’agenzia che ti ha messo su il sito, prendi in ostaggio il suo disco fisso dei backup o il loro server e minaccia di distruggere tutto se non fanno della pagina shop la tua homepage.

Soluzione da web (e seo) copywriter g) scrivi minimo minimo 500 parole in home e minimo 300 in ogni pagina interna.

Ho scritto parole, non caratteri. La cosa ti spaventa? Questi purtroppo sono veramente i valori minimi. Non so esattamente di cosa ti occupi, ma sono certo che la tua probabilità di successo – se hai dei concorrenti – è proporzionale alla tua capacità di raccontare quello che fai con passione, se ne hai, in modo coerente e credibile e, soprattutto, farlo capire al tuo pubblico.

E non ti preoccupare se scrivi troppo e che nessuno abbia voglia di leggersi tutto, probabilmente nessuno lo farà, tutti andranno a leggersi disordinatamente solo quello che per loro è più rilevante, sempre che lo trovino facilmente.

Grazie al cazzo, ma come le scrivo 500 parole?!

Se continui a leggere o se clicchi subito su l’hompeage che ognuno vorrebbe leggere posso fornirti uno schema (non certamente l’unico possibile) per buttarle giù queste 500 parole. Intanto, ti anticipo che – se hai già un sito, online o in mente – puoi benissimo spostare in home, quello che pensavi di inserire (o che hai già inserito) nella pagina Servizi, Chi siamo e Contatti.
In questo modo puoi anche usare un fighissimo tema “single page layout“.

layout single page web copywriting

Questo tipo di tema, in un qualche modo, “ricalca” l’abitudine degli utenti web a scrollare come se non ci fosse un domani – pensa a quanto lo fai con Facebook – e a cliccare giusto se necessario.

Luca, ti sbagli, la gente non ha voglia di leggere online.

Il fatto che tu sia arrivato qui, dimostrerebbe il contrario. E comunque mi offre l’opportunità di presentarti un’altra soluzione.

Soluzione da web copywriter h) immagina di avere 3 lettori.

500 parole e oltre, un sacco di fatica, per 3 lettori e basta?

Sì e sono tra loro diversissimi:

  1. il primo ha fretta, lo chiameremo il frettoloso. Ecco, lui vuole capire in un nanosecondo di essere sul sitogiusto (vedi non mette neppure lo spazio) e sulla paginagiusta e, appena lo capisce, vuole trovare con il minimo della fatica come contattarti, avendo letto il minimo indispensabile – forse qualche titolo
  2. il secondo, lo chiameremo il selettivo. Lui è così allenato a scansionare le pagine che la scorre tutta, leggendo giusto i titoli. E quando trova il titolo giusto o vede una parola in grassetto che gli interessa, legge giusto quel paragrafo o, al massimo, quel blocco
  3. il terzo è così interessato al tema da poterlo chiamare il compulsivo. È capace di leggersi tutto, proprio tutto, prima di contattarti e probabilmente prima farlo, potrebbe cercare anche delle recensioni su di te. Naturalmente, alla prima cazzata che scrivi tu o che qualcuno ha scritto su di te rischi di perderlo

Ora io non so esattamente in percentuale quanti siano i primi, i secondi e i terzi. Probabilmente dipende dal tema che affronti e dalla loro disponibilità di tempo e energie. Di certo, immaginarmeli, ogni volta che scrivo mi ricorda di:

  • rendere semplice a un potenziale cliente frettoloso, contattarmi
  • curare in modo particolare titoli e altri elementi attenzionali
  • scrivere cose sensate dall’inizio alla fine, si sa mai qualcuno si legga davvero tutto

Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami.


Problema di ogni web copywriter 4) il lettore è egoista ed egocentrico, come te.

Io? Stai parlando a me?

Sì, lo so: il sito è tuo/della tua azienda/organizzazione… peccato che il lettore, molto probabilmente, non è per conoscerti che c’è capitato. Quindi Chi sei/Chi siete non è il suo principale focus. E, per quello che abbiamo letto circa il suo giudizio frettoloso della tua pagina online, è molto probabile che se attacchi parlando di te o di voi, tu perda il suo interesse in pochi secondi.

Respira profondamente, perché quello che sto per scrivere implica un salto di paradigma non da ridere:

“Se un utente è capitato sul tuo sito è perché ha un SUO problema/bisogno/interesse/curiosità e LUI (o LEI) sta cercando attivamente una soluzione o delle informazioni utili per . Quindi al massimo tu, la tua azienda, la tua organizzazione e il tuo sito potete essere un SUO strumento.”

Quindi?

Soluzione da web copywriter i) parla al tuo lettore di lui, anziché di te.

Se non è per leggere di te per cosa il tuo visitatore è capitato sul tuo sito?
Se il tuo web marketing funziona – sia che sia basato su dinamiche pull (come seo o sem) oppure su dinamiche push (banner di qualunque tipo, ads o mail) o miste (come il funnel) – l’utente arriva sul tuo sito con un bisogno. A volte è un problema definito, a volte un generico interesse o una inspiegabile curiosità. Insomma qualcosa che lo ha spinto a cliccare sul tuo sito – dopo una ricerca o perché un messaggio lo ha colpito – anziché fare 1.000 altre cose che può fare online e offline nello stesso momento.

Più ti è chiaro cosa lui/lei sta cercando, più ti è facile confermargli/le che:

  • sai cosa gli/le serve
  • sai cosa serve fare per servirglielo
  • glielo puoi servire

Scusa mi stai suggerendo velatamente di mettermi “al servizio” del visitatore anziché menarmela su quanto sono/siamo figo/figa/fighi?

Esatto!

Ma io ho speso migliaia di euro per avere una vetrina di quanto sono/siamo figo/figa/fighi?

Forse, è per questo che gli utenti guardano la tua vetrina e non entrano nel negozio, né ti chiamano per un preventivo e, se ti scrivono, è per venderti i loro prodotti o servizi e non per comprare i tuoi.

Per cambiare radicalmente tutto questo, puoi:

  • iniziare il tuo racconto di presentazione/testo con una seconda persona (singolare o plurale, dipende dal target) e rivolgerti al tuo cliente modello

Ma come faccio a parlare di me o della mia azienda in seconda persona? Ah, devo parlargli di lui e dei suoi problemi/bisogni e proporre me o la mia azienda come soluzione… Ora l’ho capito.

  • fare domande o domande indirette a proposito di cosa lo ha portato (tu immagini o speri lo abbia portato) sul tuo sito es: “State cercando x? Benvenuti su…” o “Se sei alla ricerca di x, allora…”
  • Anticipare, prevedere e magari mettere in scena cosa dice e cosa pensa mentre legge le tue parole, per farlo sentire compreso anche nei momenti in cui possa essere in disaccordo

Vuoi dire che è per questo che qua e là scrivi cosa sto pensando?
Sei veramente una brutta persona, Luca.

  • Ribaltare completamente il punto di vista rispetto alla classica comunicazione autoreferenziale (Chi siamo/Cosa facciamo/Come lo facciamo…) a una comunicazione tutta orientata all’utente

Questo “ribaltamento” ti offre anche una scaletta degli argomenti molto utile, che può tra le altre cose aiutarti sviluppare una homepage ricca di testo l’ideale visto che i lettori (e anche Google) vogliono tutto e subito.


Pillola di web copywriting #2: L’homepage che tu, io e chiunque altro vorrebbe leggere.

la homepage perfetta web copywritingEccoti una scaletta che puoi adattare alle tue esigenze:

1. Cosa ti ha portato qui (a te visitatore) + Cosa posso essere per te?

L’esordio di una pagina, per essere efficace, deve essere usato per mostrare che sei interessato al visitatoreconosci i suoi bisogni e interessi, che lo capisci lo comprendi e che per lui /lei puoi essere la soluzione alla ricerca della quale è arrivato/a fino a te. Serve a creare un primo rapporto di complicità tra di voi.

Questo è il momento di annunciare (lo spiegherai dopo) cosa ti rende unico rispetto alla concorrenza, perché dovrebbe scegliere te e non il tuo concorrente, cosa hai di più, di diverso.
Se hai sviluppato un brand positioning – se non lo hai fatto ti consiglio caldamente di farlo – è qui che devi presentarlo.

Visto che come abbiamo visto parlando dei 3 lettori, c’è anche chi arriva sul tuo sito ed ha fretta, già qui puoi inserire i tuoi contatti. Telefono e/o email, se offri questo genere di modalità, dato che ha fretta evita di fargli cercare un modulo contatti.

Naturalmente, se anziché un contatto, preferisci che il tuo visitatore acquisti direttamente online, puoi inserire qui un primo bottone che lo porti sullo shop (metti che tu non abbia lo shop in homepage)

2. Cosa posso fare per te/offrirti?

Conquistata l’attenzione del lettore, è necessario usarla per mostrare “la merce”, si tratti di prodotti o servizi, è uguale. Per farlo puoi usare elenchi puntati o modalità meno sintetiche, slideshow, video o esempi di qualunque tipo. Se hai dei “prodotti hot” che lo possano ingolosire, mostraglieli qui.

Se scegli un elenco puntato o una formula analoga, puoi elencare tutto quello che puoi offrire (categorie di prodotto o singoli servizi). L’unico limite è che quello che offri deve essere coerente con il tuo brand positioning. Se non lo fosse, puoi:

  • cambiare il brand positioning (opzione non consigliata)
  • cambiare la tua offerta di prodotti/servizi per adattarla al tuo posizionamento (opzione consigliata, poco realistica)
  • evitare di presentare qui quei prodotti/servizi che creerebbero incongruenza con il tuo brand positioning, ad esempio, potresti inserirli in pagine interne specifiche per cui studiare percorsi-utente alternativi e diretti (senza passare dalla home)

A questo punto, se lo hai previsto, puoi inserire un modulo di contatti, dato chi è arrivato a leggere fin qui ha meno fretta magari te lo compila

3. Perché proprio da me?

Hai ancora un po’ di attenzione, giocatela bene: cos’hai più dei tuoi concorrenti e puoi dimostrare di avere di più, cosa fai di diverso da loro, da quanti anni fai quello che fai, quanti clienti servi, hai vinto dei premi, hai avuto dei riconoscimenti, usi un metodo esclusivo, sei un’autorità nel tuo settore…
Arrivato a questo punto è naturale che dopo essersi sentito compreso, dopo aver visto che puoi offrirgli quello che cerca, il lettore cerchi delle motivazioni razionali o emozionali per scegliere te, forniscigliele.
Questo è il momento di sostanziare il tuo posizionamento.
Immagina il tuo brand positioning sia il ripiano di un tavolo, questo è il momento di fissargli sotto delle gambe, e più numerose e spesse sono, più il tavolo sarà stabile.

4. Non sei ancora convito? Ora te lo (di)mostro

Chi dopo aver letto tutto quello che gli hai scritto non ha abbandonato il sito ma non ti ha ancora contattato e ha continuato a leggere, evidentemente è interessato a ciò che offri, ma non è ancora convinto. Questo è il momento di tirar fuori tutta l’artiglieria:

  • portfolio
  • collegamenti a case history
  • approfondimenti sui servizi offerti
  • testimonianze REALI
  • collegamenti articoli che parlano di te
  • collegamenti ad articoli da te scritti
  • promozioni in corso
  • varie ed eventuali

In pratica, tutto quello che tireresti fuori dal vivo di fronte a un potenziale cliente che ti dice “Non sono ancora convinto” ma non si è ancora alzato dalla sedia.

Come realizzare, in pratica, l’homepage che tutti vorrebbero leggere?

Per quanto radicalmente diversa dalla maggior parte delle homepage che si trovano online questa possa sembrare, mediamente un sito ha quasi tutti i contenuti necessari per realizzarla.

Per esperienza si tratta di comprendere quali sono le ricerche più probabili che portano il visitatore-modello sul sito e riorganizzare i contenuti (spesso sparsi tra le varie pagine) in funzione del brand positioning e per mostrare il sito (quindi l’azienda, il marketplace o il professionista) come la miglior soluzione ai bisogni del visitatore.


Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami.


Problema web copywriting 5) il lettore è poco attento a quello che legge online, si distrae facilmente e spesso sta facendo altro.

Su questo punto cascano molti web copywriter e, soprattutto, i loro committenti (aziende e professionisti titolari del sito).

“L’errore più comune nel web copywriting è sopravvalutare il grado di attenzione e interesse dei lettori.”

Abbastanza paradossale dato che sia i web copywriter sia chi gli commissiona il lavoro legge online molto più di quanto scrive o commissiona. Basterebbe ricordarselo ed essere intellettualmente onesti. Personalmente, per “spiegare” questo aspetto penso che valga la massima “un’immagine vale più di mille parole”.

Web copywriting problemi e soluzioni

Incredibilmente tutti sorridono, annuiscono e nessuno ha mai alzato la mano dicendo “No, io non lo faccio mai.

Soluzione da web copywriter l) scrivi semplice.

È semplice: se chi ti legge lo fa con poca attenzione, aiutalo a leggerti. Frasi brevi, dirette, costruzioni lineari, parole comprensibili ecc. Se pensi al fatto che chi ti legge legge “disordinatamente” la pagina, è la cosa più logica da fare.

Soluzione da web copywriter m) usa il presente per il passato, il futuro e, naturalmente, per il presente.

web copywriting la lezione di hobbes

Dai la prendo più morbida: secondo la Treccani il presente storicoè molto frequente nella prosa narrativa e nel giornalismo, ma anche nella lingua orale, e di solito ha lo scopo di aumentare il grado di coinvolgimento del lettore o dell’ascoltatore negli eventi narrati.” fidati, se scrivi online tu di quel coinvolgimento hai un disperato bisogno.

Circa il futuro, nel momento in cui racconti un servizio (vale anche per un prodotto) mostrarlo vicino (anche temporalmente) al suo destinatario lo rende più attenzionale e interessante, soprattutto per chi vuole tutto e subito.
Ad esempio, immagina di voler vendere la tua casa, di avere magari un po’ fretta di farlo e di leggere su due siti di due diverse agenzie immobiliari due messaggi piuttosto simili:

  • contattateci, analizzeremo insieme le vostre reali esigenze, studieremo la strategia migliore per valorizzare il vostro immobile e lo metteremo sul mercato appena possibile
  • contattateci, analizziamo insieme le vostre reali esigenze, studiamo la strategia migliore per valorizzare il vostro immobile e lo mettiamo sul mercato appena possibile

Com’è che il secondo “appena possibile” arriva prima?

Esatto, nel secondo caso hai l’impressione che “questi non perdono tempo: con questi la vendiamo prima”?
Sono sfumature, lo so. Sfumature che possono fare la differenza, se stai scegliendo a chi affidare la vendita della tua casa e hai fretta di farlo.

Analoga cosa, naturalmente se un professionista ti presenta tutto quello che può (presente) fare per te, anziché mostrartelo come ciò che farà (futuro). O se uno store online ti scrive “Acquista subito, lo riceverai in 24/48 ore a casa tua” o “Acquista subito, lo ricevi in 24/48 ore a casa tua“.

Soluzione da web copywriter n) usa con consapevolezza il “non”, il “ma”, il “però” e le avversative in generale.

web copywriting non usare il non

Secondo alcuni studiosi di comunicazione “Il cervello umano non capisce il NON. Se ti chiedo di NON pensare a un elefante rosa alla tua destra, molto probabilmente tu ci stai pensando…
Naturalmente, ti puoi sforzare di non pensare a un elefante rosa alla tua destra e probabilmente ci puoi riuscire o forse no. Di certo riuscirci ti richiede una concentrazione che un lettore poco attento non ha.
E, soprattutto, dato che chi ti legge online potrebbe farlo con fretta ed essere distratto, potrebbe saltare quel “non”. Quindi se proprio vuoi usare il non fallo dove, anche se uno capisce il contrario, il messaggio funziona lo stesso.

Ad esempio, in questo annuncio per un bilocale in affitto a Milano, ho deliberatamente scritto:
Quello che stai per scoprire non è un immobile appena ristrutturato con 2 locali + cucina (separata) in affitto a Milano: questa è la casa dei tuoi sogni (se la stai cercando per 1 persona o siete una coppia senza figli).
Perché si trattava di un immobile appena ristrutturato con 2 locali + cucina (separata) in affitto a Milano, quindi anche il non fosse stato saltato, andava bene uguale.
bilocale affitto milano

Per quanto riguarda il “ma” e il “però” gli stessi studiosi di comunicazione (e performer) di cui sopra sostengono che queste congiunzioni avversative, contraddicono quanto appena affermato. Esempi classici sono frasi come “Ti voglio bene, ma…” che in effetti non trasmette tutto questo amore. Se poi lo combiniamo con quello che abbiamo appena visto, in una frase tipo “Non voglio arrabbiarmi, però…” il messaggio che trasmette è che ti stiano già girando le palle. Vero?
non mi voglio arrabbiare

Non ci avevo mai pensato ma…

Apposto.


Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami


Problema web copywriting 6) il lettore potrebbe non essere sempre d’accordo con quello che legge.

Se scrivi cose originali, che stimolano il tuo lettore, lo guidano a scoprire cose nuove oppure l’invitano a vedere le cose che già conosce da altri punti di vista, è possibile/probabile che nella lettura ci siano dei momenti di disaccordo.
È proprio nelle regole del gioco ed è indice di qualità di quello che scrivi. Pensa al contrario: se il lettore fosse sempre d’accordo con te, alla fine troverebbe il tuo testo banale, poco impattante, superficiale.
Ora che siamo d’accordo che questo disaccordo è positivo, anzi auspicabile…

Quindi, sempre d’accordo = male, disaccordo = bene, giusto? Ho sempre pensato il contrario, comunque così mi fila.

…vediamo come gestirlo.
Sì, va gestito, perché sebbene alcuni momenti di disaccordo siano auspicabili, se il tuo lettore non si sente compreso, se gli sembra tu stia descrivendo di un mondo che non è il suo, se i vostri punti di vista gli sembrano inconciliabili rischia di rompersi il rapporto di fiducia che vi lega, quindi potrebbe interrompere la lettura da un momento all’altro.

Ora, se lo avessi davanti, e gli stessi parlando, basterebbe un po’ di acutezza sensoriale per vedere quando è il caso di rispiegare un passaggio, ammorbidirlo o non insistere. Peccato non sia così, non lo hai davanti e l’unica cosa che puoi fare è:

Soluzione da web copywriter o) prevedi il disaccordo del tuo lettore, esplicitalo e usalo per argomentare.

Hai in mente quelle forme tipo “Leggendo queste parole, potresti pensare che…. considera anche che… quindi…“?

Sì.

Se tu quella cosa l’hai davvero pensata, anche se dopo il quindi il discorso porta da tutt’altra parte, il risultato è molto convincente. Appunto perché tu quella cosa l’hai pensata e chi scrive ha considerato proprio il tuo punto di vista, ti ha fatto sentire compreso, e se l’argomentazione è ben argomentata, ci sono alte probabilità tu prenda in considerazione quella possibilità, anche se in antitesi col tuo pensiero iniziale.

Giusto. E sentiamo, perché questo genere di frasi non le hai usate fin qui? In parecchi passaggi non ero d’accordo e te l’ho pure scritto!

Ecco, lo stesso effetto comprendo il tuo disaccordo/controargomento può essere reso in modo più creativo e divertente. Ad esempio, mettendo in scena le obiezioni del lettore – magari in blu, corsivo e grassetto – e simulando un dialogo.

Quindi fin ora ti sei preso gioco di me… Ti odio, lo sai?

Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?

Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami

Problema web copywriting 7) il lettore arriva prevenuto sulla tua pagina.

Per quanto importante sia iniziare bene un testo online, le prime righe della pagina non sono il vero incipit. L’utente è arrivato sul sito e su quella pagina leggendo prima la sua anteprima:

  • se il visitatore proviene dai motori di ricerca, quest’anteprima è determinata dai metatag, anche sono possibili differenze più o meno grandi
  • se il visitatore ha cliccato sul link condiviso da un altro utente, l’anteprima dipende sempre dai metatag, oltre che dalle parole che quel qualcuno ha scelto per accompagnare la sua condivisione
  • se la visita è frutto di un’inserzione a pagamento (AdWords, social ads o banner) o di una newsletter l’anteprima è, invece, completamente gestibile
  • se la visita è frutto di un link da un altro sito dipende dal proprietario dell’altro sito come l’ha linkato (anchor text) e cosa ha scritto prima e dopo

Concentrandoci sui primi due casi, che sono i più frequenti, appare evidente che i metatag siano da curare.

Ok, cosa sono i metatag?

Molto semplice sono brevi, brevissime stringhe di testo con cui il sito si presenta ai motori di ricerca e, di conseguenza, agli utenti (sia che vengano dai motori di ricerca o da un sito – ad esempio Facebook – in cui i metatag sono visibili in anteprima.)

Quanto brevi? Così:

  • Title: 60 caratteri
  • Description: 160 caratteri (se leggi da qualche parte che sono di più, lì ci si riferisce alla long description che per un periodo ha funzionato su Google e che è stata presto abbandonata)

Tieni presente che una volta arrivato sulla pagina, comunque tu ci arrivi, i metatag non sono visibili (a meno che tu non vada a vederti la sorgente in HTML, diciamo che è una cosa raramente fa “l’utente medio” tipo te).
Visto che carino? Ho esordito dandoti dello stronzo e ora, che siamo quasi alla fine (almeno per me che scrivo, tu puoi leggerlo nell’ordine che preferisci grazie alla soluzione aikido adottata) ti do dell’utente medio, se ci pensi è un grande miglioramento.

Se non sono visibili in pagina perché sarebbero così importanti?

Arrivati a questo punto mi aspettavo una domanda più intelligente da parte tua, giuro. Vabbé, ti risponderò lo stesso: influenzando l’anteprima sui motori di ricerca e non solo, possono invitare l’utente a cliccare sul tuo sito o dissuaderlo e quindi fargli cliccare su un altro sito.

Hai sentito il detto “Un libro non si giudica dalla copertina“, vero? Ecco, è una cazzata. I libri (come le riviste, gli album e i singoli musicali) si giudicano dalla copertina, così come i prodotti si scelgono anche per il packaging e per la presentazione in generale.
i libri si giudicano dalla copertina

Ecco, i metatag sono la copertina del tuo sito/della tua pagina, quindi:

Soluzione da web copywriter p) cura i tuoi metatag.

Lo so, sembra una banalità. Il fatto è che solo una minoranza di web copywriter (anche se in molti casi non meriterebbero il titolo) lo fa, molti addirittura “dimenticano” di inserirli o, ancora peggio, delegano a terzi il farlo. E cosa succede quando nessuno li inserisce al posto giusto?

In questo caso Google tira a indovinare e prende alcune parole/frasi, in genere dall’inizio della pagina e le mostra come title e description. Il problema è che, a meno che tu non abbia utilizzato la tecnica del go&stop! difficilmente il tuo incipit sarà così invitante… e comunque puoi fare di meglio, fidati.

Ok, lo farò, anzi lo faccio. Quando devo curare i metatag?

Non c’è una regola. Personalmente lo faccio un attimo prima di pubblicare, quindi per ultimo – ed ecco perché te lo scrivo all’ultimo punto/problema – quando mi è chiarissimo di cosa parla la pagina. Anche se come stiamo per vedere, non è per descrivere il tuo sito che ti consiglio di usarli.

Soluzione da web copywriter q) rendi i tuoi metatag invitanti.

Se le persone sui motori di ricerca decidono se cliccare o no sul tuo sito in base a quello che leggono nell’anteprima e l’anteprima dipende dai metatag, la cosa più logica è scriverli in modo che facciano venir voglia di visitare il tuo sito? Lo so, sembra un’altra banalità. Concordo e, al tempo stesso, ti invito a farci caso alla tua prossima ricerca: solo una minoranza dei siti si presenta in modo invitante.

Ed eccoti, alcune idee/consigli che personalmente applico come abitudine:

  • visto che il lettore è egoista ed egocentrico, rivolgiti direttamente a lui/lei cercando di intercettare il suo interesse, magari con una domanda e offrendogli un vantaggio coerente e credibile
  • invitalo all’azione, lo ammetto – anche per quello che ho scritto al punto precedente – io sono un gran fan della coppia “clicca e scopri” e se non c’è spazio o solo “clicca” o solo “scopri
  • se conosci o immagini quali siano le parole chiave che il potenziale inserisce nel motore di ricerca, usale. Google e i suoi fratelli le evidenziano in grassetto
  • fai tutto quello che ti viene in mente per rendere il link al tuo sito attenzionale, ad esempio apri il title con “▷” di fatto il lettore vedrà una freccia che indica proprio il tuo sito
  • se ci sono più persone interessate a quello che offri in generale rispetto a quante sono interessate a te/la tua azienda nello specifico (parliamo della stragrande maggioranza dei casi, a meno che cosa offri sia “una bevanda analcolica gassata” e tu non sia “CocaCola”) anteponi nel title cosa offri e posponi chi sei/il nome della tua azienda (anche dal punto di vista SEO ha molto più senso partire dalle parole chiave più cercate dal tuo cliente-modello, piuttosto che dal nome del tuo sito. Anche perché per il tuo brand è abbastanza semplice apparire ai primi posti)

Soluzione da web copywriter q) fai in modo che i tuoi metatag, oltre a essere invitanti, preparino il lettore a ciò che troverà.

Va bene, facile a dirsi ma a farsi?

Amico/amica mio/a, eccoti qualche esempio:

▷Copywriter, Luca Bartoli. | Vendi di più, comunicando meglio.
Cerchi un copywriter per una campagna o per testi online? Qualcuno per ottimizzare il tuo sito e la tua comunicazione? Clicca ⇧ e scopri cosa posso offrirti

Investimenti Immobiliari ad Alto Rendimento | OPISAS
Scopri dove investire oggi e come fare investimenti sicuri ad alta redditività (dal 6% all’11%) con OPISAS in USA e UK, a partire da 50.000 €…

Portachiavi Personalizzati | Gadget Unici | Idee Regalo | ALBA
Le Vostre Idee Prendono Forma nei Laboratori Alba. Create Portachiavi Personalizzati, Gadget Senza Ordine Minimo, Bigiotteria di Ogni Tipo e Idee Regalo Mai Viste.

Farmacia Online AmaFarma | Farmaci, Parafarmaci e molto altro
Cerchi farmaci, parafarmaci, cosmetici, igiene orale, alimenti speciali, integratori alimentari o veterinaria? Nella farmacia AmaFarma basta un click.

Giochi per bambini di ogni età | Mazzeo Giocattoli Shop Online
Robot e bambole, giochi per maschi e femmine, da giardino e da tavolo, costruzioni e modellini, bici e radiocomandati? Scopriteli nel negozio di giocattoli Mazzeo

Vendi Casa a Milano | Valutazioni Immobiliari Online Gratuite
Vuoi vendere casa a Milano? Visita VendiCasaMilano.com, scopri quanto vale davvero il tuo immobile e i consigli degli specialisti della vendita di case a Milano

Traduttore Inglese, Italiano e non solo | Carlotta Acme
Cerchi un Traduttore Madrelingua per Traduzioni Italiano-Inglese, Inglese-Italiano o Altre Lingue? Scopri Perché Affidarti a una Traduttrice Naturale.

▷Arredamento Online Arredamenti Shop | Casa Arredo | Arredo Casa
Cerchi uno shop di arredamenti online? Clicca su Arredo Casa Store e trovi le migliori marche di arredamento online, un vasto catalogo e prezzi da outlet

▷Magliette Personalizzate T-Shirt Maglie | Stampa Idea Tshirt
Cerchi T shirt Personalizzate e Maglie Originali? Clicca su Idea Tshirt: Pochi Click e Stampa la Tua Maglietta Personalizzata. NO Ordine Minimo.

Il Marketing Sportivo secondo Laudicino | Vincere Fuori dal Campo
Cos’è il Marketing Sportivo? A cosa serve? Scoprilo con le definizioni, i risultati e le strategie di uno sport marketer professionista: Maurizio Laudicino.

Personal Branding & Storytelling | Agenzia Stand Out Milano
Scopri come fare Personal Branding e diventare la business celebrity del tuo settore con la prima agenzia in Italia che offre servizi integrati di branding personale.

▷SEO Copywriter Freelance | Come Trovare il Miglior Seo Copy Writer?
Cerchi il Miglior SEO Copywriter Per Ottimizzare il Tuo Sito Web e Migliorare il tuo Posizionamento? Clicca e Scopri il #1 su Google.

Discoteche Versilia | Info e Prenota in TUTTE le Discoteche in Versilia
Cerchi Discoteche Versilia? Clicca e scopri TUTTE le discoteche in Versilia tra Forte e Viareggio. ☎ 347.477.477.2 per info e prenotazioni delle tue serate.

SEO Specialist Copywriter | Il Professionista #1 x Ottimizzare un Sito
Cerchi Un Professionista Per i Testi del Tuo Sito e Per l’Ottimizzazione Sui Motori di Ricerca? Scopri cosa un SEO Specialist Copywriter può fare per te.

Immobiliare Lusso Milano, Perché scegliere CASA&LUSSO?
CASA&LUSSO a Milano si avvale di un team scelto di professionisti del Luxury Real Estate. Rivolgendovi a noi potete disporre di una consulenza esclusiva altamente specializzata.

Dentista dei bambini, odontoiatra e ortodontista | Dott.ssa Cardamone
Cerchi uno specialista per i denti di tuo figlio/a? Scopri la Dott.ssa Cartadamone, la dentista dei bambini: ortodontista e odontoiatra pediatrico

ItalExit | Come Sopravvivere all’Uscita dell’Italia dall’Euro
Come proteggere il patrimonio in caso di ItalExit e guadagnare in caso di uscita dell’Italia dall’Europa. 5 idee per sopravvivere ai deliri sovranisti.

Ok, forse ho capito.

Hai risolto tutti i tuoi problemi relativi al web copywriting? Ottimo!
Se così non fosse, dai un’occhiata agli altri:

Pur essendo all’ultimo punto (oppure no, visto che l’ordine di lettura lo hai deciso tu), hai deciso di mollare la spugna/in realtà non l’hai neppure presa in mano e ora cerchi un web copywriter professionista per il tuo sito che si sappia porre questi problemi e sappia trovare delle soluzioni?
Scrivimi pure a info@lucabartoli.info o clicca su Contattami

Facebook Twitter Email
Condividi

Ringrazia che sono una signora

Operazione di guerrilla marketing per il lancio del nuovo singolo di Romina Falconi.

Lunedì 13 gennaio.

Sembrava un nebbioso lunedì qualsiasi a Milano, ma fin dalle prime ore del mattino non si è rivelato tale. I primi ad accorgersene sono stati i pendolari della tratta Milano-Mortara che hanno trovato sui sedili interi vagoni di volantini con la faccia di un ragazzo e le parole “Romano Falchetti sei un traditore farabutto. Hai ignorato le mie lacrime, ora ignora pure questo. E ringrazia che sono una signora”.

ringrazia che sono una signora treno guerrilla marketingI viaggiatori, alcuni divertiti da questa eclatante vendetta altri preoccupati, hanno subito iniziato a condividere immagini sui social e complice un post sul gruppo dedicato “La freccia delle risaie” la bizzarra notizia è diventata presto virale, ripresa da vari quotidiani locali e non.

lui la tradisce lei tappezza il treno con le sue foto sei un farabutto e ringrazia che sono una signora

viralità e ringrazia che sono una signora

tradita tappezza il treno e ringrazia che sono una signoraPassano poche ore e le immagini di un’utilitaria vandalizzata, con tanto di scritte a bomboletta “Bentornato traditore” sul cofano “E ringrazia che sono una signora” sulla fiancata, appaiono in numerosi gruppi chiusi di Facebook.

guerrilla marketing e ringrazia che sono una signora e ringrazia che sono una signora guerrilla marketing bentornato bastardo auto vandalizzata guerrilla marketing

Da qui si aprono una serie di dibattiti tra dimostrazioni di approvazione come “Ti stimo sorella…” o “UNA DI NOI!” e chi risponde “Spero che lui la denunci” (discussioni ancora in corso in molti casi). Contribuiscono al dibattito, quindi al buzz, chi racconta episodi analoghi (subiti) e chi ipotizza ironicamente “Avrà dimenticato la tavoletta alzata”. In più, molti utenti decidono di scaricare le foto e condividerle come post sul proprio profilo, innestando ulteriori discussioni e offrendo alle immagini una copertura davvero capillare.

La visibilità raggiunta è tale che, verso mezzogiorno, quando nei pressi della stazione Duomo della metropolitana appare un manifesto con gli stessi contenuti del volantino, alcuni utenti iniziano a unire i puntini e commentano i vari post con altri contenuti dell’eclatante vendetta della donna ferita “Sarà la stessa persona?”. manifesto stazione duomo – guerrilla marketingQuasi in parallelo, mentre ormai i quotidiani diffondono la notizia di una o più iniziative, sui principali gruppi dedicati a chi offre e cerca case in affitto a Milano appaiono le foto dell’auto martorizzata con l’annuncio “Cercasi monolocale per marito fedifrago”.
cercasi monolocale per marito fedifragoPer tutto il giorno, il buzz continua a crescere alimentato dalla curiosità degli utenti, da chi è andato a cercarsi il povero Romano Falchetti e non trovandone traccia ha commentato “Poverino si è cancellato dai social” a chi ha iniziato a ipotizzare un’operazione commerciale per il lancio di una nuova serie, di una date app o di un servizio di car sharing.
Commenti social guerrilla marketingPer molti utenti diventa una vera e propria caccia al tesoro, che include anche la foto del lenzuolo con la scritta “Bentornato a casa traditore!” esposta nel pomeriggio in zona City Life.
bentornato - guerrilla marketing e ringrazia che sono una signora

Martedì 14 gennaio.

Nel pomeriggio di martedì dopo che, essendo diventato il tema del giorno, su varie radio nazionali qualcuno aveva ipotizzato che dietro tutto ci fosse lei, Romina Falconi è uscita allo scoperto sui suoi profili Facebook e Instagram. “Mea Culpa, Vostro Onore, so io che ho creato tutto ‘sto casino […] il fatto è che tira più un pelo di vendetta che un carro d’amore” preannunciando, attraverso un’immagine, l’uscita del nuovo singolo Ringrazia che sono una signora”.

Mea Culpa, Vostro Onore, sono io che ho creato tutto ‘sto casino.La storia del traditore svergognato sul treno, il…

Pubblicato da Romina Falconi su Martedì 14 gennaio 2020

Mercoledì 15 gennaio.

Anticipato da una serie di considerazioni e ringraziamenti…

"Romina, ricorda le 3 regole d'oro che la cantautrice italiana non deve MAI sfidare:1- Usare malizia, seriamente o per…

Pubblicato da Romina Falconi su Mercoledì 15 gennaio 2020

…esce Ringrazia che sono una signora quinto singolo estratto da Biondologia. 

Ringrazia che sono una signora – video diretto da Luana Corino

Scritto da Romina Falconi
Casa di produzione: Freak&Chic
Regia: Luana Corino
Aiuto Regia: Luca Tartaglia
DOP: Melissa Lianza Operatore: Lorenzo Biasia Produzione e Montaggio: Luca Tartaglia e Luana Corino Ass.
Produzione: Sole Limiroli
Make up & Hair Style: Emanuela Caricato Ass
Make up: Gaia Ballarini
Costumisti e Sylist: Flavia Cavalcanti, Mr Bitter, Carlo Chieco, Manuel Attardi
Grafiche: Immanuel Casto
Tecnica: Camera Service
Location: Big Eyes Studio
Attori: Franco Trentalance, Sabrina Bambi, Sara Wonder Guastalla, Luca Bartoli, Marco Montanari Nello Savinelli, Marco Fassi, Samaele Tripoli Si ringrazia inoltre: Marco Piraccini, Massimiliano Longo, Queen Carmela

Perché utilizzare il guerrilla marketing per promuovere un singolo?

A giustificare la scelta di questa forma di promozione è l’artista stessa – in concerto a marzo negli auditorium di Roma e Milano – concludendo il suo post “E anche senza super poteri e con pochi mezzi, si può e si deve arrivare ovunque.

Tecnicamente questa operazione è estremamente vicina all’idea originale di guerrilla marketing. Secondo il suo fondatore, Jay Conrad Levinson, una forma di promozione non convenzionale e a basso costo, destinata proprio alle piccole e medie imprese. Il mezzo ideale per promuovere un’artista indipendente come Romina Falconi e una realtà non allineata con Freak&Chic disposti a – fottere il mercato per entrarci – cit.

Ideazione e creatività: Romina Falconi, Luca Bartoli (copywriter), Jacopo Levantaci
Produzione:  Freak&Chic

Torna a copywriting portfolio

Ringrazia che sono una signora – testo

Non rispondo alla tua guerra
Io so essere migliore
Vuoi vedermi a terra ma non do soddisfazione
Ringrazia che sono una signora
Nella schiena ho il tuo pugnale
Resto calma ma ti colpirei sai pure dove
Ringrazia che sono una signora
Non voglio essere volgare
A quello ci pensa tua madre
M’incazzo come un’ape
Ti buco tutte le ruote
Niente vendetta prometto
Fuori sorrido ma dentro
Dentro ti vorrei frustare
Tutti professano il perdono
Ma non ci crede mai nessuno
Perdona tu un paio di palle
Dopo un calcio in culo
Fai la pace solo dopo,
Quando passa tutto l’odio
Si però avrei preferito non soffrire proprio
Ringrazia che sono una signora
E qui lo dico e qui lo nego
Voglio colpirti da dietro
M’incazzo come un’ape
Ti buco tutte le ruote
Niente vendetta prometto
Fuori sorrido ma dentro
Dentro ti vorrei scuoiare
Ce l’ho con te
Ma la mia vera vendetta è riderti in faccia
Ce l’ho con te
Io sarò molto elegante, indifferente ma poi
M’incazzo come un’ape
Ti buco tutte le ruote
Niente vendetta prometto
Fuori sorrido ma dentro
Dentro ti vorrei scuoiare
Facebook Twitter Email
Condividi

Automotive copywriter

Copywriting al servizio dell’industria automobilistica.

Se cerchi un automotive copywriter, scrivimi a info@lucabartoli.info
oppure utilizza il modulo che trovi nella sezione contattami.

Se invece vuoi leggere cosa ne penso sul tema e/o vedere alcune delle mie campagne automobilistiche, continua pure.

Essere un automotive copywriter secondo me.

Una delle sfide più stimolanti per i copywriter di tutto il mondo è, senza dubbio, l’automotive. Un settore della pubblicità in cui ci sono tante cose da dire e da fare, un “genere” a sé con il suo gusto, la sua estetica e le sue “regole di comunicazione“. Regole spesso non scritte.
Nelle prossime righe, voglio mostrarti – attraverso la mia personalissima esperienza professionale e alcuni lavori estratti dal mio copywriting portfolio – quelle che penso di aver capito sotto forma di pillole.

La mia avventura come automotive copywriter.

Se non te ne frega nulla di questa introduzione biografica o se preferisci leggertela più tardi, salta pure direttamente alle Pillole di automotive.

Le prime due agenzie in cui ho lavorato come copywriter junior mi hanno dato l’opportunità di farmi le ossa su bevande alcoliche e analcoliche, TV a pagamento, distribuzione, assicurazioni, no profit ecc. Purtroppo, nessuna delle due aveva tra i propri clienti case automobilistiche.

Anche per recuperare questa “grave lacuna creativa” al passaggio successivo ho scelto una grande agenzia internazionale, di quelle con l’anagramma dei fondatori nel nome. Purtroppo dopo qualche mese dal mio trionfale (per me) ingresso la mia terza agenzia perse BMW come cliente. Feci giusto in tempo a studiarmi l’archivio delle campagne uscite e a partecipare a una gara (persa).  Mannaggia!
Fortunatamente, dopo un paio d’anni, ebbi la possibilità di fare un’esperienza nella sede romana del gruppo che nel frattempo aveva acquisito come clienti Mercedes e smart. Ne uscirono un paio di annunci e soprattutto l’opportunità di lavorare a contatto con uno dei maestri della pubblicità automotive, noto per essere stato l’unico della sua generazione a diventare ricco con la pubblicità.

Nel successivo passaggio (ormai ero considerato un copywriter senior) direi di aver ampiamente recuperato. Negli anni passati nella mia quarta e ultima agenzia (ora lavoro come copywriter freelance, se te lo stessi chiedendo) compresa la parentesi in un gruppo di lavoro specializzato in automotive, ho avuto la possibilità di lavorare su Volkswagen, SEAT, Audi e persino Lamborghini.

Quanto sto per scrivere è quindi frutto di queste esperienze e delle mie personalissime idee in materia. E non rappresenta in nessun modo il pensiero di chi lavora o ha lavorato nelle suddette agenzie (un po’ di paraculismo legal non fa mai male).

Pillole di automotive advertising e copywriting:

  1. Viva la stampa.
  2. Largo ai copy.
  3. Il posizionamento è tutto.
  4. Ogni modello ha la sua personalità.
  5. Talvolta la pubblicità di una macchina non fa pubblicità a tutta la macchina.
  6. Ogni occasione è valida per comunicare.

Pillola di automotive #1: viva la stampa.

Grazie alla targettizzazione della stampa quotidiana e alla diffusione di riviste specializzate, la pubblicità automotive è una roccaforte della carta stampata (con buona pace di Greta e degli ambientalisti).
In più, alcune di queste riviste offrono formati speciali, come il mitico battente Quattroruote che permette di giocare con un annuncio da scoprire in due passaggi, creando una dialettica tra le pagine.

Nota tecnica: le anteprime degli annunci e delle campagne sono state inserite per permetterti di aprire la pagina relativa in un’altra scheda, semplicemente cliccandoci sopra. In questo modo, puoi vedere bene e leggere l’annuncio o la campagna, senza perdere il filo e senza fare continui avanti e indietro.

pubblicità audi sq7pubblicità audi r8

pubblicità audi sport

pubblicità audi alpine adrenaline

Pillola di automotive #2: largo ai copy.

Sì, l’ho scritto: largo ai copy. Non ho messo il punto esclamativo solo perché, come mi è stato insegnato “Quello che scrive un copywriter deve essere esclamativo di per sé (senza il punto)“. Reminiscenze a parte, nella pratica molto spesso succede che l’art director abbia creativamente le mani legate (scatti dell’auto già fatti da un super fotografo specializzato in automotive e, naturalmente, auto che deve essere bella GRANDE). Questo sposta decisamente il baricentro della creatività (e della libertà) sul copywriter: suo è il compito di trasformare una bella foto (con un’auto bella GRANDE) in un bell’annuncio.
Per me, copywriter dall’ego ingombrante e amante delle copy ad (gli annunci in cui la creatività è costruita intorno al titolo) è sempre stata una figata.

A volte, il titolo accompagna semplicemente la foto. Come nella multisoggetto per il lancio della Nuova SEAT Ibiza e come nell’annuncio “Suv and the City” per Audi Q3 Verve (allestimento studiato e dedicato al pubblico femminile).

pubblicità seat ibiza

pubblicità audi q3 suv and the city

Altre volte il titolo “guida” l’art direction: nelle scelte fotografiche…

pubblicità audi a4 allroad…o nel gioco con gli altri elementi del layout.

pubblicità audi q7

PSP_Nuova_275x201.indd

Pillola di automotive #3: il posizionamento è tutto.

L’industria automobilistica è un’ottima palestra per comprendere l’importanza fondamentale del brand positioning: la definizione che rende unico un marchio e lo distingue dai concorrenti.
Questo è evidente fin dal payoff tra le più note vetture premium tedesche:

  • Mercedes. The best or nothing.  (Prestigio)
  • BMW. Freude am Fahren. (Piacere di guida)
  • Audi. All’avanguardia nella tecnica. (Tecnologia)

Operativamente e creativamente – come mi è stato insegnato – questo significa “Se lo può dire anche un concorrente, non è il messaggio corretto“. E, da questo punto di vista, devo ammettere che lavorare per alcuni anni con la casa dei quattro anelli sia stata, per me, proprio una fortuna.

pubblicità audi a3 spot tv

banner speciale pubblicità onlinetecnologie audi a3 copywriter

pubblicità sistemi di navigazione audi

pubblicità audi service

Questa dedizione al posizionamento crea dei toni di voce immediatamente riconoscibili da mantenere anche quando si affrontano temi “laterali”, come il primo milione di fan su Facebook.

pubblicità audi italiaNaturalmente, il posizionamento guida e deve guidare anche le scelte media. Quindi, certe iniziative sono possibili solo per chi ha un brand positioning che lo permette.
Nessuno dei 3 marchi premium sopra citati, ad esempio, avrebbe potuto fare ciò che con SEAT ho potuto fare su Tinder per Ibiza o davanti al dito di Cattelan (al secolo L.O.V.E.) quindi di fronte al Palazzo della Borsa Italiana per Arona.pubblicità su tinder

pubblicità seat arona

Pillola di automotive #4: ogni modello ha la sua personalità. O almeno potrebbe avercela.

Se possiamo parlare di posizionamento (di marca) che distingue una casa dall’altra, all’interno di ogni segmento (A, B, C, D, E, J, M, S e relativi sottosegmenti) a far emergere un modello (rispetto alla concorrenza) c’è la sua personalità. Talvolta questa è perfettamente in linea con il brand positioning.

pubblicità lamborghini

Altre volte – pur rispettando perfettamente il posizionamento generale di marca – la personalità dell’auto mostra dei tratti distintivi.

pubblicità audi tt

Pillola di automotive #5: talvolta la pubblicità di una macchina non fa pubblicità a tutta la macchina.

Spesso, a essere oggetto di un annuncio (e talvolta di una intera campagna) sono singole caratteristiche.

Pubblicitariamente di tratta di una USP (unique selling proposition – principio secondo cui una campagna pubblicitaria deve proporre un solo beneficio per il consumatore; questo deve esser tale che la concorrenza non possa offrirlo; il beneficio deve essere così vantaggioso da poter spingere milioni di consumatori all’acquisto).
Retoricamente, si tratta di una sineddoche, ovvero “la parte per il tutto“, quindi ancora una volta i pubblicitari non si sono inventati nulla.
Il messaggio, a grandi linee, è “Solo per questo vale  la pena di acquistarla. (Immagina tutto il resto)“.

A volte, si tratta di caratteristiche fondamentali, come il sistema quattro di Audi, la trazione integrale per eccellenza.

pubblicità audi quattro

O la principale feature che caratterizza una determinata versione o un certo allestimento.

smart pubblicità pubblicità smart

Altre volte ci si concentra sulle singole tecnologie a bordo.pubblicità audi connect

copywriter pubblicità VolkswagenOppure su tecnologie di prossima implementazione e di portata rivoluzionaria.

pubblicità audi guida autonoma

pubblicità audi etron

Pillola di automotive #6: ogni occasione è valida per comunicare.

In lotta per essere top of mind tra i loro potenziali clienti, le case automobilistiche sanno che la battaglia è all’ultimo GRP (unità di misura della pressione pubblicitaria) e che chi si ferma resta fermo (anche nelle vendite). Questo genera un bisogno continuo di novità da annunciare (“sete di sangue fresco” parafrasando quanto sosteneva Niklas Luhmann sul sistema dei media, se proprio vogliamo citare un sociologo del ‘900 e darci improvvisamente un tono). Naturalmente, per quanto ampia sia la gamma di modelli, incluse le versioni speciali, i restyling e i restyling dei restyling, non sempre c’è un un’auto da lanciare o comunque da spingere.
E quindi che si fa?
Le case automobilistiche si sono organizzate per comunicare anche quando non c’è un’auto da comunicare. Questo significa che sulla scrivania di un copywriter e dell’art director suo compagno di avventure, arrivano continuamente richieste (brief) di annunci che hanno come oggetto sponsorizzazioni sportive…

pubblicità audi golf

audi coppa del mondo di sci

audi vela

…o altro genere di eventi.

pubblicità audi city lab

pubblicità audi futuroE questo per il momento, direi che è tutto.
Alla prossima pillola.

Ottimizzazione: “automotive copywriter”.

ottimizzazione automotive copywriter

Vuoi saperne di più e ricevere un preventivo per i miei servizi di copywriting, inclusi quelli da seo copywriter? Scrivimi pure a info@lucabartoli.info

Ti è piaciuto? Non ti è piaciuto? Così e così?

Esprimi liberamente il tuo apprezzamento, il tuo non apprezzamento o il tuo sinceramente, speravo meglio, con i bottoni qui sotto: è decisamente gratis.

Facebook Twitter Email
Condividi

Bata

Me  & Comfortable with it

Pubblicità scarpe Bata in Italia.

Icona forse, standard mai.

pubblicità bata copywriter luca bartoli icona forse standard mai

Non tutte le piccole donne vogliono crescere.

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli non tutte le piccole donne vogliono crescere

Chi ha detto che l’ora del tè sia solo per le regine?

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli chi ha detto che l’ora del te sia solo per le regine

Bambolina a chi?

pubblicità bata copywriter luca bartoli bambolina a chi

Voglio arrivare lontano, quindi rallento.

pubblicità bata copywriter luca bartoli voglio arrivare lontano quindi rallento

Che pausa è se resti in ufficio?

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli che pausa è se resti in ufficio

Come aspettare l’onda perfetta: cavalcarle tutte.

pubblicità bata copywriter luca bartoli come aspettare l onda perfetta cavalcarle tutte

Non mi serve una valigia per sentirmi in vacanza.

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli non mi serve una valigia per sentirmi in vacanza

Sole, mare e sei già in happy hour.

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli sole mare e sei già in happy hour

E se tutto fosse semplice come sembra?

pubblicità bata scarpe copywriter luca bartoli

Ore 11:30 stile libero.

pubblicità scarpe bata copywriter luca bartoli ore 11 30 stile libero
Copywriter freelance: Luca Bartoli
Cliente: Compar
Prodotto: Scarpe Bata
Produzione: Condé Nast, Milano
Pubblicità stampa
Torna a copywriting portfolio

Ottimizzazione “copywriter bata”, “pubblicità bata” e “copywriter scarpe”

seo copywriter bata
ottimizzazione pubblicità bata
ottimizzazione seo copywriter scarpe

Vuoi saperne di più e ricevere un preventivo per i miei servizi di copywriting, inclusi quelli da seo copywriter? Scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email
Condividi

Lamborghini Huracán Spyder

Own the sky.

Pubblicità Lamborghini Huracán Spyder.

Teaser: “The sky will never be the same”

Video: “Own the sky”


Copywriter: Luca Bartoli
Art director: Daniel Cambò
Cliente: Lamborghini
Prodotto: Nuova Lamborghini Huracán Spyder
Spot web

Torna a copywriting portfolio

Brochure  & testi sito

pubblicità lamborghini huracan spydernuova lamborghini spydermigliori pubblicità lamborghinicopywriter lamborghinicopwriting lamborghinimiglior lamborghinimiglior copywriting lamborghinistorytelling lamborghini“QUESTO È STATO IL MOMENTO IN CUI HO DECISO DI CREARE L’AUTO PERFETTA.” Ferruccio Lamborghini

INSPIRING TECHNOLOGY

NUOVA LAMBORGHINI HURACÁN SPYDER

SENZA LIMITI

Progettata per tagliare l’aria e fondersi con il cielo, la nuova Huracán Spyder rappresenta uno degli apici del gusto e dell’artigianalità made in Italy. Aerodinamica bellezza, finiture di pregio e potenza pura per essere la tua più intensa emozione su quattro ruote.

NESSUNO DAVANTI A TE.
E NEPPURE SOPRA.

La tecnologia si apre all’emozione con performance senza limiti e controllo assoluto.Un concetto di spyder elevato a prestazioni e sensazioni proprie di un coupé. Una sfida vinta riprogettando ogni elemento con il preciso obiettivo di eliminare il tetto senza compromettere in alcun modo aerodinamica e rigidità strutturale.

NON ACCONTENTARTI DI TOCCARE IL CIELO CON UN DITO.

Alle tue spalle il rombo del potente V10, sopra la testa le nuvole che non riescono a staccarti gli occhi di dosso, davanti hai solo l’orizzonte pronto a essere raggiunto.
E se ti accorgi di tutto questo, significa che non hai ancora schiacciato sull’acceleratore.

L’UOMO HA SEMPRE SOGNATO DI RIUSCIRE A VOLARE.
OGGI TU PUOI POSSEDERE IL CIELO.

Dopo aver conquistato la terra, tutta la potenza e la tecnologia di cui hai bisogno per domare anche il cielo con l’istinto.

  • Motore aspirato V10.
  • Trazione integrale con frizione elettro idraulica multi-disco.
  • Lamborghini Doppia Frizione (LDF) cambio a sette rapporti con doppia frizione.
  • ANIMA (Adaptive Network Intelligent MAnagement) per cambiare. tra le modalità Strada, Sport e Corsa.
  • Struttura ibrida in alluminio e carbonio.
  • Tettuccio ultraleggero con apertura in 18 secondi, in marcia fino a 50 km/h.

I NUMERI POSSONO SPIEGARE TUTTO. ANCHE UN’EMOZIONE.

Motore

V10 90° IDS, 40 valvole

Trazione

4 ruote motrici controllate elettronicamente

Telaio

Ibrido in alluminio e fibra di carbonio

Cilindrata

cm3

5.204

Potenza massima

KW/CV*

449/610

a

RPM

8.250

Coppia massima

Nm

560

a

RPM

6.500

Rapporto di compressione

12,7:1

Freni

Pinze fisse in alluminio a 6 pistoncini anteriori e 4 posteriori.

Freni a disco in materiale carboceramico ventilati e perforati.

Cerchi

Cerchi in lega da 20’’

Velocità massima

km/h

324

Accelerazione 0-100 km/h

s

3,4

Accelerazione 0-200 km/h

s

10,2

Consumi (ciclo combinato)**

l/100 km

12,3

Emissioni di CO2

g/km

285***

Massa a secco

kg

1542 ****

Chi guida la nuova Lamborghini Huracán Spyder è padrone del cielo. Parola di stv DDB, che vince la gara per spot

Da YouMark

La collaborazione tra Lamborghini e stv DDB fa un passo avanti. Dopo il lavoro sugli aspetti strategici della comunicazione di marca, sul posizionamento e il lancio all’ultimo salone di Parigi della concept car ibrida Asterion, mentre è in atto la revisione dell’identità del brand su tutti i touchpoint (dai concessionari al sito web), arriva il primo film prodotto assieme, frutto di una gara che ha visto confrontarsi diverse agenzie.

Online dal 15 settembre, in concomitanza con la conferenza stampa di presentazione a Francoforte della nuova Lamborghini Huracán Spyder, il video fa rivivere le emozioni che la vettura può trasmettere, dalle sensazioni della strada fino a quelle che può offrire il cielo.

Proprio la dialettica tra la supercar in versione cabrio e il cielo è al centro della storia, che si apre in una città sotto la pioggia. Un uomo e una donna si preparano a uscire e per un istante si fermano a osservare il muro di nubi che sovrasta tutto. Si guardano e sorridono: hanno deciso che quella è una giornata perfetta per godersi una corsa sulla Lamborghini Huracán Spyder e non saranno certo le condizioni meteo a fargli cambiare idea. Quando salgono a bordo, infatti, la prima cosa che fanno è aprire la capotte. Saranno la potenza dell’accelerazione e un percorso articolato attraverso le diverse configurazioni di guida a far sì che il cielo si squarci al passaggio del bolide, lasciando filtrare il sole. Chiude il claim di campagna Own the sky.

SEO ottimizzazione “copywriter lamborghini” e “pubblicità lamborghini”

ottimizzazione copywriter lamborghini seo pubblicità lamborghini

Vuoi saperne di più sui miei servizi di copywriting ottimizzazione siti? Scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email
Condividi

Audi Q3 Verve

Suv and the city.

Audi Q3 Verve.

suv and the city pubblicità audi q3 verve
Gustatevi la comodità e la bellezza degli interni, impreziositi dalle luci a LED. Rinunciate ai compromessi, con i sensori di parcheggio e la chiave comfort dotata di tecnologia Keyless-go. Innamoratevi della verniciatura completa e non preoccupatevi di dover scegliere: la capienza del pacchetto portaoggetti completo vi sorprenderà. Audi Q3 Verve, la bellezza in ogni suo dettaglio.
www.Q3verve.it

Audi
All’avanguardia nella tecnica.

Copywriter: Luca Bartoli
Art director
: Gaetano Cerrato
Cliente: AUDI
Pubblicità stampa

Torna a copywriting portfolio

Ottimizzazione SEO “audi q3 verve”, “pubblicità audi q3 verve” e “copywriter audi q3”

ottimizzazione seo audi q3 verve ottimizzazione pubblicità audi q3 seo copywriter audi q3

Vuoi saperne di più e ricevere un preventivo per i miei servizi di copywriting, inclusi quelli da seo copywriter? Scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email
Condividi

Audi TT

Radio Audi TT.

Manifesto Audi TT.

Copywriter: Luca Bartoli
Cliente: Audi
Prodotto: Audi TT
Speaker: Simone d’Andrea
Casa di produzione: Eccetera
Spot radio

Torna a copywriting portfolio

Script Audi TT.

Non mi hanno costruito per stare nell’ombra o per confondermi nel traffico.
Non offro l’anonimato, neppure come optional.
Posso essere solo di chi sa reggere gli sguardi che attiro e anche le critiche.
Di me hanno già detto che sono troppo,
ho un design troppo estremo, offro prestazioni troppo esagerate,
e il mio cruscotto Virtual Cockpit? Troppo tecnologico e troppo ad alta definizione.

Hanno ragione: sono troppo… per loro!

Nuova Audi TT. Nient’altro.
Scoprimi negli showroom Audi.

Ottimizzazione SEO “pubblicità audi tt” e “copywriter audi tt”

ottimizzazione pubblicità audi tt seo copywriter audi tt

Vuoi saperne di più sui miei servizi di copywriting ottimizzazione siti? Scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email
Condividi

Audi A4 Allroad quattro

On/off-road.

Pubblicità Audi A4 allroad quattro.

pubblicità audi a4 allroad automotive copywriterpubblicità audi a4 allroad automotive copy writer

La libertà si conquista anche con piccoli gesti.

On/off-road.

Nuova A4 allroad quattro con Audi drive select e modalità offroad.

pubblicità audi a4 allroadpubblicità audi a4 allroad copywriterNuova Audi A4 allroad quattro, grazie alle sue soluzioni tecniche all’avanguardia, rappresenta una vera e propria rivoluzione in campo automobilistico. Il suo Audi drive select con la nuova modalità offroad vi garantisce prestazioni ottimali anche su strade non asfaltate, mentre gli ammortizzatori adattivi si adeguano elettronicamente alle caratteristiche del fondo stradale,offrendovi dal massimo del dinamismo al massimo del comfort. Prestazioni e controllo sono amplificati dalla trazione integrale quattro e dal nuovo servosterzo elettromeccanico, per trovare la vostra strada anche dove la strada non c’è. Scopritela su www.audi.it

Gamma A4. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 7,7 ciclo extraurbano 5,6 - ciclo combinato 6,4; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 147.

[socialring]

Automotive Copywriter: Luca Bartoli
Art director
: Mario Luca Giordano
Cliente: AUDI
Pubblicità stampa

Torna a copywriting portfolio

Ottimizzazione sito “pubblicità audi allroad” e “copywriter audi allroad”

seo copywriter audi allroad pubblicità audi allroad ottimizzazione

 

Vuoi saperne di più sui miei servizi da copywriter inclusi quelli di seo copywriting? Scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email
Condividi

Audi quattro

Avete molte ragioni per preferire l’estate.
quattro per l’inverno.

Pubblicità Audi quattro.
pubblicità audi quattro

La trazione integrale quattro garantisce prestazioni eccezionali su ogni terreno. Il differenziale centrale e il controllo selettivo della coppia distribuiscono la potenza in modo variabile tra asse anteriore e posteriore, restituendo una migliore trazione e un controllo assoluto, anche in curva.
Scoprite la precisione e la reattività di quattro su oltre 170 modelli Audi. www.audi.it

Tutte le condizioni sono condizioni perfette.
Welcome to the World of quattro.

Gamma A6. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 13,4 ciclo extraurbano 7,4 - ciclo combinato 9,6; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 223.

 

[socialring]

Copywriter: Luca Bartoli
Art director
: Mario Luca Giordano
Cliente: Audi Italia
Pubblicità Stampa

Torna a copywriting portfolio

SEO ottimizzazione “copywriter audi” e “pubblicità audi quattro”

ottimizzazione copywriter audipubblicità audi quattro

Facebook Twitter Email
Condividi