Invicta

Invicta 2015.

Zaini Ollie Face.
Invicta. We’re back

Zaino Twist reversibile.
Invicta. We’re back


Copywriter Milano: Luca Bartoli, Lorenzo Marzetti
Art director: Cristiana Soriano
supervisor: DANIEL CAMBÒ,
Regista: Leone Balduzzi
Cliente: Invicta
Casa di produzione: k48
Prodotto: zaini Ollie Face, zaini reversibili Twist

Spot tv

Invicta.

da eduhi.at

Il percorso della società INVICTA (il marchio ha origine nel 1906) è molto intrecciato con la storia del trekking, dell’escursionismo e dell’alpinismo in Italia, Francia, Svizzera e con la sfida alla conquista delle vette asiatiche più alte del mondo. L’azienda produce articoli tecnici professionali, dagli zaini ai guanti e si caratterizza per l’invenzione d’accessori innovativi e di qualità eccezionali.

Sulla scia di quest’impegno nell’alpinismo, nei primi anni ’70 INVICTA dà una mano al mondo dello sci contribuendo alla realizzazione della Coppa del Mondo e sponsorizzando con i propri guanti atleti come Stenmark, Thoeni, Tomba, Belmondo, Di Centa, Compagnoni.

Verso la fine degli anni ’70 la sfida dei giovani modifica gli stili di vita e si impone un nuovo modo di viaggiare per il mondo. Ecco che il marchio, forte dell’esperienza maturata con gli articoli specialistici per la montagna, applica ora lo stesso rigore tecnico e stilistico anche nella produzione di daypacks e accessori. L’azienda crea così prodotti per chiunque “si sente giovane” e cerca e confronta se stesso nell’outdoor, nel viaggio, nel rispetto della natura, ma anche nella curiosità di conoscere e vedere i colori della vita ed il divertimento. Grazie al suo forte impegno con i consumatori e ad un massiccio investimento in comunicazione e pubblicità, negli anni ’80 il brand raggiunge lo status di “marchio-stile di vita”, che le consente poi di differenziarsi in nuove linee di attività ed in diversi Paesi.

Alla fine degli anni ’80, dal settore delle borse e degli accessori, la Società estende le proprie merceologie inserendo tra i suoi prodotti l’abbigliamento, le calzature, la pelletteria ed ultimamente anche i viaggi, combinando la tradizione ed i valori del marchio, l’impegno con i consumatori, la creatività, la qualità ed il design italiano.

BRAND CHARACTER INVICTA

La libertà per Invicta è sinonimo di viaggio. Il viaggio di Invicta sta nel percorso, non nel punto di arrivo. Il viaggio è inteso come ricerca; come atteggiamento curioso e aperto; come possibilità di mettersi in relazione con gli oggetti e con le persone in modo dinamico e personale; come capacità di ricomporre le proprie esperienze in una sintesi autentica e consapevole. Il viaggio Invicta si compone di aggiustamenti progressivi; è un processo personale di decantazione, amalgama e ricomposizione dei particolari, le tracce, gli stimoli e i frammenti incontrati e raccolti durante il percorso. E’ l’esperienza di chi si pone non come spettatore, ma come esploratore e abitante di un mondo che cambia, nei tempi e negli spazi; di chi vuole riappropriarsi dell’energia vitale del mondo, anestetizzato dalla realtà quotidiana. Invicta si muove dove i confini e le regole nemmeno esistono, oltre ogni mappa convenzionale, alla ricerca di nuove prospettive e nuovi orizzonti, di soluzioni aperte e di combinazioni impreviste.

Il concetto di viaggio così inteso giustifica la scelta di libertà del claim “ I want to be free” .

WE’RE BACK

da youmark.it

Un gruppo di ragazzi si muove per la città camminando al contrario. Nessuna incertezza, nessun passo falso: hanno trovato la loro strada e hanno deciso di percorrerla sfidando le convenzioni. Sono questi gli ingredienti delle creatività 2015 degli zaini Invicta, spot manifesto che invitano il target a vivere fuori dagli schemi.

Racconti visivi ideati per celebrare il vissuto di un marchio che ha fatto della libertà la sua bandiera. Un brand che torna in comunicazione ribadendo suoi valori core, come sottolinea il claim ‘We’re back’.

Gli spot ci raccontano la quotidianità dei protagonisti, tra un’uscita con gli amici, un pomeriggio di shopping di spalle alle vetrine, un back-selfie e una pedalata al contrario. Nei singoli episodi, i protagonisti non si separano mai dai loro zaini, usando le loro faccine per esprimere le proprie emozioni e le fantasie reversibili per cambiare stile.

Facebook Twitter Email

Già che sei qui ed è assolutamente evidente che tu non abbia di meglio da fare, guardati anche: