LA7

Pubblicità LA7.

LA7. Esclusivamente per tutti.

pubblicità la7

LA7: solo per chi crede che la settimana sia fatta di sette giorni.

otto e mezzo pubblicità la7 copywriter

Otto e Mezzo. Esclusivamente per chi è nato nudo.

exit ilaria d'amico la7 copywriter

Exit è il programma ideale per chi sostiene che il mercoledì segue il martedì.

impero la7 copywriter

Impero è adatto solo a chi respira ossigeno ed emette anidride carbonica.

tetris luca telese la7 copy writerTetris. Solo per chi sa distinguere la destra dalla sinistra.


grazie al cielo sei qui la7 copywriter

Grazie al cielo sei qui. Solo per chi sa contare almeno fino a 1, 2, 3, 4, 5, 6.

la gaia scienza la7 copywriter

La Gaia Scienza. Esclusivamente per chi nell’H2O si bagna.


Victor Victoria. Niente è come sembra. Per chi fa domande col punto interrogativo e ospita gli ospiti.

Copy writer: Luca Bartoli
Art director
: Anna Rondolino, Luca Menozzi
Direttori creativi: Stefania Siani, Federico Pepe
Agenzia: DLVbbdo, Milano
Cliente: La7
Pubblicità Stampaaffissione e Radio

LA7

da wikipeida, l’eciclopedia libera.

LA7 è un canale televisivo del gruppo Cairo Communication.

La programmazione è di tipo generalista, caratterizzata dalla presenza di programmi di approfondimento e di intrattenimento. L’annunciatore ufficiale della rete è il doppiatore Francesco Prando e la raccolta pubblicitaria è affidata alla concessionaria Cairo Pubblicità]. Il canale è visibile in digitale terrestre e via satellite su Sky Italia e Tivùsat.

Il passaggio da TMC a LA7 avvenne il 24 giugno 2001[8][9] con una serata inaugurale dal titolo Prima serata in onda dalle 20:30 e condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto dalla discoteca Alcatraz di Milano[10][11]. In contemporanea, per la zona del Lazio, venne trasmesso un concerto di Antonello Venditti al Circo Massimo per la vittoria dello scudetto della Roma. Gli ascolti sono altissimi per un’emittente così piccola (circa 2 milioni di telespettatori). La linea editoriale scelta per il canale è quella di una televisione giovanile in concorrenza con Italia 1. Per questo viene scelto come direttore di rete Roberto Giovalli, in passato alla guida della rete di Mediaset.

Vennero ingaggiate star provenienti dalle reti RAI e Mediaset come Fabio Fazio – che oltre a condurre il programma inaugurale, avrebbe poi dovuto condurre un proprio talk show che però verrà sospeso un giorno prima dell’esordio – oltre a Gad Lerner, come direttore del telegiornale (TG LA7) che ereditava la redazione del TMC News, l’ex velina Roberta Lanfranchi, Platinette, e i giornalisti Valeria Benatti e Giuliano Ferrara. Le produzioni trasmesse, alcuni erano format inediti, però non convincono e gli ascolti non raggiungono i livelli sperati con uno share medio del 2%, stesso risultatodi quando la rete si chiamava Telemontecarlo.

Dopo l’acquisizione di Telecom Italia da parte di Marco Tronchetti Provera a fine del 2001, cambiò la linea editoriale della rete che venne dedicata prevalentemente all’informazione e all’approfondimento giornalistico. Quasi tutti i programmi della gestione precedente vennero cancellati e cambiati i conduttori; venne cambiato anche il logo del canale dal 18 marzo 2002 che da arancione diventò grigio. Del precedente palinsesto rimangono pochi programmi come Il processo di Biscardi e se ne aggiungono di nuovi come Omnibus e Otto e mezzo.

Facebook Twitter Email

Già che sei qui ed è assolutamente evidente che tu non abbia di meglio da fare, guardati anche: