Archivi tag: lb

Copywriter

Stai cercando un copy writer?
Che incredibile coincidenza: lo hai appena trovato ed è pure freelance.

Luca Bartoli, copywriter online e a Milano.

Lo so, parlare di “incredibile coincidenza” nel tuo caso è un po’ esagerato… è che, come forse sai già, ai copywriter piace giocare con le parole. Diciamo che sono un po’ i miei ferri del mestiere. Se poi vuoi e hai tempo, tra poco, ti racconto qualcosa del mio mestiere e di come intendo io il copywriting.

Se, invece, hai fretta di contattare un copy writer per i testi del tuo sito, per una landing page, per una campagna pubblicitaria, per dei materiali below the line – come un catalogo o una sales letter – o per qualunque cosa ti abbia spinto a cercarmi e trovarmi, scrivimi pure subito a lucabartoli@gmail.com

Se prima di farlo, vuoi vedere cosa posso fare per te, dai pure un’occhiata al mio copywriting portfolio.

A proposito, che maleducato: non mi sono ancora presentato. Lo faccio al volo: piacere Luca Bartoli, copy dal 2005 con esperienza in agenzie nazionali e internazionali, attualmente freelance (aggettivo che scoprirai in questa pagina, ti offre notevoli vantaggi) copywriter.
copywriter freelance

A cosa serve il copywriting e cosa fa esattamente un copywriter?

Il fatto che tu non mi abbia già scritto e che tu stia continuando a leggere, significa che non hai troppa fretta. A ogni modo, ti rispetto troppo – come lettore – per prenderla alla lontana e copincollarti qui definizione alla wikipedia.
Vado subito al sodo e ti do la mia personale definizione, penso sia utile per capire chi hai dall’altra parte:

“Il copywriter è un venditore. Le sue uniche armi di persuasione sono le parole, a volte scritte nero su bianco, come quelle che stai leggendo adesso”.

Direi che in questa frase, c’è la mia visione del copywriting: “scrivere per vendere” o “vendere usando solo le parole”. E quando l’oggetto della vendita non è un prodotto o un servizio, si tratta di “vendere un’idea“, comunque di “spingere chi legge a fare un’azione predeterminata” un acquisto, una richiesta di informazioni, un preventivo, iscriversi a una newsletter, lasciare dei dati o aderire a una causa. Tra l’altro questa è la principale differenza tra un copywriter e altri professionisti della scrittura, come giornalisti o romanzieri.

Che tipo di copywriter ti serve?

Questo, più o meno dovresti averlo in mente tu. Io posso dirti che tipo di copywriter posso essere, poi vedi tu se è quello che ti serve o che stavi cercando:

  • copywriter pubblicitario  – definizione più classica “chi scrive le parole della pubblicità” sia questa stampa, affissione, spot tv e radio, campagne digital, social o unconventional (a cui è dedicata questa pagina);
  • web copywriter – chi scrive i testi dei siti (a cui è dedicata un’altra pagina di questo sito);
  • seo copywriter – scrive i testi dei siti in ottica seo, quindi ottimizzandoli per i motori di ricerca (a cui è dedicata un’altra pagina di questo sito);
  • seo specialist copywriter – chi unisce alle competenze di un seo copywriter quelle di un seo specialist, offrendoti un approccio integrato all’ottimizzazione sui motori di ricerca (indovina, anche a questo è dedicata un’altra pagina di questo sito);

Quanto costano i servizi di un copy writer?

Per rispondere a questa domanda, ti invito a leggere I vantaggi di lavorare con un copywriter freelance più in basso. Se, invece, vuoi una risposta immediata, puntuale, precisa, come un numero accanto alle parole “euro + iva” scrivimi a lucabartoli@gmail.com spiegandomi a grandi linee di cosa hai bisogno.

Il mio copywriting portfolio.

Se a questo punto quello che ti passa per la testa è “Ok, siamo d’accordo, “scrivere per vendere”, sì potresti essere quello che cerco, ma prima di scriverti  fammi vedere cosa sai fare…”
Eccoti il mio copywriting portfolio, ovvero le mie campagne da copywriter pubblicitario:

Stampa e affissione.

Campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, affissioni speciali e tabellari.
pubblicità seat aronacopy writer pubblicità seat ibizacopy writer pubblicità intesa sanpaolo casacopy writer pubblicità Audi Sportcopy writer Audi SQ7 pubblicitàcopy writer pubblicità audi a4 allroadcopy writer pubblicità Audi AllServicecopy writer pubblicità audi quattrocopy writer pubblicità Audi e troncopy writer pubblicità Audi Urban Futurecopy writer pubblicità guida autonoma audicopy writer pubblicità Alpine adrenalinecopy writer pubblicità Audi quattro Coppa del Mondo di Scicopy writer pubblicità audi Dindo Capellocopy writer pubblicità Audi Q7copy writer pubblicità audi city labpubblicità Audi Servicepubblicità audi quattro cupcopy writer pubblicità Audi Prima Scelta Pluscopy writer pubblicità Audi R8LMXcopy writer pubblicità navigatori satellitari audicopy writer pubblicità audi q3copy writer pubblicità audi lifecopy writer pubblicità audi quattro copy writer pubblicità la 7 digitale terrestrewall street institute copy writerpubblicità la7copy writer pubblicità Rolling Stone Magazinecopy writer pubblicità MTVWorld Animal Daycopy writer pubblicità MTVcopy writer pubblicità pantaloni Freddy Pantscopy writer pubblicità BMWcopy writer pubblicità metzelercopy writer pubblicità BMW Motorradpubblicità SMARTcopywriter pubblicità Black Berrypubblicità gioielli Damianicopywriter pubblicità dimensione danzacopy writer Royal Balletcopywriter oxydocopy writer safilocopy writer pubblicità VScopy writer pubblicità Gatoradecowpiroska muca libre muuujtocopy writer pubblicità Maka Scuola d'Inglese a Milanocopy writer pubblicità Osso Macelleria Fornellicopywriter FNAC

Spot Tv e web.

Pubblicità in tv e video per il web – virali e non solo.
pubblicità lamborghinicopy writer pubblicità zaini invicta 2015copy writer pubblicità audi q7copy writer pubblicità audi italia gattinopubblicità audi a3copy writer pubblicità zaini invictacopy writer pubblicità zaini seven the doublepubblicità zaini scuola sevenprojection mapping italiaslounge copy writercopy writer pubblicità freddycopy writer pubblicità aspirinacopy writer pubblicità rolling stone magazinesky vivocopy writer pubblicità legambiente puliamo il mondocopy wrìter assicurazionecopy writer pubblicità skybooktrailerpubblicità lasoactive

Digital.

Campagne online e sui social media.
audi social networkpubblicità su tinderpubblicita digital benvenuto domani sitopubblicita Audi Madonna di Campiglio Dolomiticapubblicita digital fondazione ronaldpubblicita digital la scatola delle emozionipubblicita digital primarie gusto mcflurrypubblicita digital mc italycopy writer Patata Anni80

Unconventional.

Guerrilla marketing, ambient media, eventi, integrated e tutto quello che rientra nella categoria “comunicazione non convenzionale”, quindi che non rientra nelle altre categorie.
pubblicità seat aronablack friday copywritercopy writer pubblicità Volkswagen Distanza di Sicurezzapubblicita digital day cazzoelezioni m&m'spubblicita digital hot kit hot club misexambient media italia

Radio.

Spot radiofonici.
pubblicita radio bennetpubblicita Nuova Audi TTpubblicita benvenuto domani radiopubblicita audi lifela7 esclusivamente per tuttipubblicita radio aspirinarolling stone radioveneta cucine copy writerpubblicita dialogo fondiaria sai radiopubblicita perle ai porci
Naturalmente, queste non sono le uniche cose fatte da copywriter o che possa fare. sono le più rappresentative dal punto di vista del copywriting pubblicitario. Qualunque altra cosa tu voglia chiedermi, ti rilascio la mia email: lucabartoli@gmail.com

Quali sono i vantaggi del rivolgersi a un copywriter freelance?

A grandi linee, non essendoci l’intermediazione da parte di un’agenzia, i vantaggi del lavorare con un copywriter freelance sono:

  • costi più contenuti ed effettivi, con un freelance paghi solo chi lavora per te e non tutta la struttura che c’è intorno. Se in più come stai per vedere il tuo copywriter freelance lavora “da casa” non ci sono neppure costi fissi da assorbire, come quello di un ufficio che sarebbero ripartiti anche sulle tue fatture;
  • comunicazione più agile e diretta, il modello classico delle agenzie prevede un flusso di comunicazione attraverso varie figure intermedie (account executive, account director, direttore creativo, talvolta supervisore creativo) che si frappongono tra te e il copywriter che scrive per te. Una sorta di “telefono senza fili” le cui conseguenze ti lascio immaginare;
  • tempistiche certe e più rapide, per lo stesso modello in un’agenzia – di passaggio in passaggio – le tempistiche si dilatano. Inoltre, per far avanzare il lavoro è necessario coordinare più persone, solitamente sovraccaricate, e ti lascio immaginare anche queste di conseguenze;
  • maggior trasparenza e feedback più efficaci, parlare con chi scrive per te riduce notevolmente i fraintendimenti e, nel caso ce ne fossero, basta un attimo per riallinearsi;

Copywriter studio a Milano.

Te l’ho anticipato al primo punto de I vantaggi del lavorare un copywriter freelance, a ogni modo, ora che sai cosa faccio, mi fa piacere mostrarti dove lo faccio – solitamente da lunedì a venerdì, più o meno dalle 9:00 alle 19:00.
studio copywriter milanodiventare copywriter freelancestudio copywriter a milano

Il tuo nuovo copywriter.

E ora che sai cosa faccio e dove lo faccio, mi sembra quasi doveroso, mostrarti chi sono, anzi chi è il tuo nuovo copywriter di fiducia. Lo faccio con questa foto in cui sono vestito casual ma non troppo, pettinato ma non ingellato, moderatamente sorridente e con alle spalle una location hipster ma non eccessivamente tale.

copywriter italiano

Vuoi sapere altro o vuoi chiedermi un preventivo per il progetto che ti ha spinto a cercarmi e trovarmi?

Mi pare di avertela già lasciata, almeno un paio di volte, a ogni modo ecco la mia email  lucabartoli@gmail.com
Nella mail che stai per scrivere, ti invito a fornirmi quante più informazioni utili pensi possano servirmi. Se sei arrivato fin qui a leggere, hai appena dimostrato che se l’argomento è di un qualche interesse, le persone leggono volentieri. Lo so, io di lavoro faccio il copy e tu ne cerchi proprio uno per scrivere al posto tuo.
Facciamo così, per usare una frase che mi sentirai dire spesso:

“Tu pensa solo al contenuto, alla forma poi penso io”.

Facebook Twitter Email

SEO copywriter

Cercavi un SEO copywriter su Google e ne hai appena trovato uno.
Coincidenze? Io non credo.

Scopri il SEO copywriting come non te l’hanno mai spiegato.

Tutto quello che hai sempre voluto chiedere a un SEO copywriter, puoi chiederlo via email a lucabartoli@gmail.com oppure continuare a leggere.

Incontrando un seo copywriter le domande da fargli sono tantissime.
Ad esempio, in cosa consiste la sua professione?
Quali tecniche utilizza?
Quali sono i segreti della sua arte?
Come si diventa seo copywriter?
Qual è la miglior guida al seo copywriting?
Che differenza c’è tra quello che fa lui, un copywriter online o un seo specialist?
Quanto costa e come si calcola il prezzo dei suoi servizi?
Onestamente, è meglio affidarsi a un seo copywriter o a un seo specialist copywriter?

Ma ce n’è una che vale più tutte:

“Perché è così difficile trovare (o essere) un SEO copywriter?”

Questa domanda non è assolutamente retorica e può cambiare le sorti (o la vita, se vogliamo drammatizzare) del tuo sito, almeno per quanto riguarda il traffico e l’ottimizzazione sui motori di ricerca.

Naturalmente se quello che cerchi, non sono domande e risposte, ma solo un seo copywriter puoi contattarmi ora a lucabartoli@gmail.com 

Parlami pure del tuo sito, delle “tue” keywords, dei tuoi obiettivi, delle tue performance attuali e di quelle che vorresti raggiungere…

Perché è così difficile trovare (o essere) un SEO copywriter?

Ora torniamo alla domanda principale, per rispondere dovrò fare delle semplificazioni. Non  te la prendere, dai…

Chi è un, anzi, il seo copywriter?

Il seo copywriter è il professionista che utilizza il seo copywriting per migliorare il posizionamento di un sito.

Cos’è significa seo copywriting?seo copywriting

Seo copywriting è l’acronimo di Search Engine Optimization Copywriting ed è il termine con cui si intendono tutta una serie di pratiche per ottimizzare il testo di una pagina agli occhi dei motori di ricerca, cioè far si che sia ben indicizzata e che esca più in alto possibile per le ricerche più rilevanti.
Da questa risposta con ogni probabilità ti sorge un’altra domanda.

Quali competenze deve possedere un SEO copywriter?

Qui arriviamo al nocciolo della questione, un SEO copywriter deve essere il primo luogo un buon copywriter online. Deve saper scrivere, prima di tutto per gli utenti web… Deve saper scrivere online per risultare chiaro, interessante, non banale, incisivo e persuasivo, conoscendo le logiche del copywriting online. Già questo, probabilmente, esclude 90% dei copywriter in circolazione… In particolare fan della “creatività a tutti i costi” ma anche i giornalisti/articolisti online che paghi “a parola”

In più deve capire la logica che c’è dietro l’ottimizzazione (solitamente appannaggio dei seo specialist) e sfruttarla per ottimizzare i testi che realizza... e questo esclude il 99% di quel 10% sopravvissuto. Ecco perché, chi trova un SEO copywriter trova un tesoro.

Se non hai altre domande, tanto vale che tu mi scriva:  lucabartoli@gmail.com 

Grazie al seo copywriting posso scalare i motori per le keywords per me più remunerative?

Guarda, vorrei tanto dirti di sì e magari “venderti” la mia consulenza, ma se vogliamo collaborare dobbiamo essere onesti l’uno con l’altro. Inizio io: la risposta è no, non è abbastanza.

Perché neanche il miglior seo copywriter è abbastanza?

miglior seo copywriter

Intendiamoci, il seo copywriting funziona.

Il web è pieno di bellissimi contenuti (per gli utenti) mal indicizzati che con un po’ di seo copywriting potrebbero fare notevoli salti in alto nei risultati delle ricerche. Il fatto è che per arrivare a posizioni premianti per chiavi remunerative (quelle che interessano sia a te che ai tuoi concorrenti) quasi sempre non è sufficiente.

E questo perché per quanto un seo copywriter sia bravo, il suo campo d’azione è limitato, perché limitato è il peso dei fattori legati alla pagina. Circa il 15% e questo non lo dico io ma  i 72% maggiori esperti di SEO del mondo.

algoritmo google

Se la tua domanda è “Ma perché me l’hai detto? stavo per chiederti una consulenza come seo copywriter.” la risposta è molto semplice, ti sto offrendo una consulenza migliore.

Seo + copywriting

Seo + copywriting per me significa fondere assieme 3 fattori:

  • innanzitutto copywriting: scrivere per chi ti legge, per colpire la sua attenzione, per farlo restare attaccato alla pagina anziché andare sul sito del tuo concorrente. Niente trucchetti per fregare google o frasi incomprensibili piene di keywords ma scrivere per il piacere di chi legge, per gli utenti alla fine sono loro e non i motori di ricerca che ordinano i tuoi prodotti o richiedono i tuoi servizi. E fortunatamente, lavorando dal 2005 nelle migliori agenzie pubblicitarie nazionali, internazionali e come copywriter freelance mi sento abbastanza tranquillo di potertelo offrire (clicca comunque su copy writer se vuoi farti un giro sul mio portfolio);
  • naturalmente seo copywriting. Lo so ti ho detto che conta solo il 15% ma quel 15% fa la differenza, soprattutto quando si tratta di un testa a testa tra te e il tuo concorrente;
  • seo, ovvero tutto il resto della torta. Agire all’esterno del tuo sito per renderlo autorevole agli occhi dei motori di ricerca. In fondo è quello che ci auguriamo di trovare tutti ai primi posti dei motori di ricerca per una determinata tematica: i siti più autorevoli su quella tematica;

Come forse hai capito non ci sono trucchetti, dritte o pillole da emulare, ma solo un ottimo lavoro da fare su misura sul tuo sito per ottimizzarlo e conquistare le posizioni che vuoi.

Conclusioni

Questa pagina termina qui.
Innanzitutto, complimenti per aver letto fin qui. Evidentemente eri molto motivato/a incontrare, seppure virtualmente, un seo copywriter.

Mi auguro che quello che ho scritto ti sia stato d’aiuto e ti abbia schiarito le idee. Ho evitato i tecnicismi perché penso che siano essenzialmente da sfigati. Se consci davvero un tema, devi saperlo trasferire con parole comprensibili.

E ora che le “parole mie” le hai lette, puoi contattarmi per chiedere una consulenza in seo + copywriting.

Scrivimi pure su lucabartoli@gmail.com parlandomi del tuo sito, delle tue keywords, dei tuoi obiettivi, delle tue performance attuali e di quelle che vorresti raggiungere, chiedendomi un preventivo o indicandomi il budget che hai deciso di investire in quest’attività.

Facebook Twitter Email

Ottimizzazione

Ottimizzazione web.

Tutte le risposte SEO alle tua domanda “Perché non riesco a ottimizzare il mio sito web?”

Sei stanco di guide fai da te all’ottimizzazione SEO che ti fanno perdere tempo? Anche io.

Ecco perché ho scritto questa guida per un’ottima ottimizzazione.

Nota bene: in coerenza con i principi del seo copywriting il testo di questa guida è piuttosto lungo e leggerlo ti richiede un po’ di tempo. Se ne hai poco e vuoi scoprire come, grazie all’ottimizzazione puoi conquistare i primi posti organici su Google e ricevere visite che hanno ottime probabilità di diventare acquisti/prenotazioni/richieste puoi scrivermi a lucabartoli@gmail.com, parlandomi del tuo sito, del tuo business online o offline e dei tuoi obiettivi oppure clicca sul bottone qui sotto:

Se invece vuoi leggere tutto questo articoloil tuo sito non si ottimizza per le keyword che ti interessano, fai estrema attenzione a quello che stai per leggere. Può fare la differenza per te, per il tuo sito e, sopratutto, per i tuoi soldi e il tuo tempo.

Prima di tutto una domanda legittima: perché leggere questa guida all’ottimizzazione o affidare quella del tuo sito chi l’ha scritta?

La risposta è semplice, perché è la #1 a livello organico per Google. Quindi la più congruente, credibile e coerente con il risultato che vuoi ottenere.

ottimizzazione siti

ottimizzazione web

Quanto vale un sito senza ottimizzazione?

ottimizzazione siti web

Hai deciso di aprire un sito?

Hai registrato un dominio? Magari col tuo nome e cognome o col nome della tua azienda?

Hai pagato un webmaster (o una web agency) perché te lo facesse come piace a te? (Tieni presente che è possibile che abbia semplicemente adattato un template già fatto, vendendotelo come “realizzato su misura per te“. Ma è possibile che abbia creato davvero una “cosa su misura per te”, senza tener presente la seo, quindi per essere indicizzata e ottimizzata incontrerà tanta di quella resistenza che ti farà maledire questa decisione).
Magari, invece, ti sei rivolto a dei professionisti seri e capaci. Te lo auguro…

Hai scattato tu le foto o hai chiesto a un professionista di farlo oppure ne hai acquistate da banca immagine o, magari, hai rubato immagini da google ignorando la scritta “le immagini potrebbero essere soggette a copyright“… Il tutto per accompagnare e raccontare i tuoi prodotti o servizi?

Ti sei sbattuto a scrivere le varie pagine del sito, impegnandoti particolarmente nella “Chi siamo” (probabilmente la meno letta), oppure hai rubato qua e là i testi da siti concorrenti e da chi fa più o meno le stesse cose che fai tu o magari ti sei affidato a un professionista, tipo un copywriter freelance?

Hai fatto praticamente tutto, il tuo sito è pronto, prontissimo.

Eppure non hai la casella email zeppa di richieste di preventivo e contatti di clienti che non vedono l’ora di riempirti di ordini o di fissare appuntamenti.

E nonostante tu abbia messo il tuo telefono ben in evidenza nella pagina Contatti (metti che qualcuno nel 2018 non sappia come si mandano le email…) il telefono, dicevamo, non squilla in continuazione… Sei andato pure a controllare se, per sbaglio, lo avessi scritto male, dì la verità… Purtroppo no, era giusto. Eppure continua a non squillare, oltre alle mail che non arrivano… al massimo, qualche volta, ti contatta un potenziale fornitore. Ma clienti, quelli non se ne vedono all’orizzonte…

Ora la smetto, giuro. Non voglio continuare a punzecchiarti, già ti girano perché dietro al tuo sito hai già perso un sacco di tempo e pure dei soldi.
Oddio ho già scritto “soldi” due volte, tre con questa. Devo essere proprio una persona materiale. Ma, ti assicuro, che bisogna esserlo per rispondere alla domanda “Quanto vale un sito non ottimizzato?”

Comunque la risposta è “Niente”, anzi “Meno di niente”. Nel senso proprio di una perdita: soldi (cavolo! l’ho scritto un’altra volta) buttati via e che continueranno a volare via finché non ti decidi a ottimizzare il tuo sito.

Ebbene sì, oggi non basta avere un sito per prima coprire le spese e poi guadagnare, devi appunto ottimizzarlo.

“Il mio webmaster/La mia webagency ha detto che basta aspettare e l’ottimizzazione verrà da se.”

Se è passato qualche mese, le possibilità sono due:

a) il tuo fornitore si è fatto pagare subito per l’ottimizzazione, allora hai a che fare con una persona disonesta;

b) ha detto che aspetta che il tuo sito raggiunga la prima pagina per farsi pagare, allora non capisce un c*zzo di motori di ricerca e/o è rimasto agli albori di internet, quando i siti erano pochi e anche scegliendo un webmaster qualsiasi (o una webagency del c*zzo) potevi raggiungere la prima pagina;

Tra disosnesti e incompetenti, onestamente, non so cosa sia peggio. A ogni modo, se vuoi continuare ad aspettare, potresti farlo in eterno. Quindi, visto che hai tempo da buttare, tanto vale che continui a leggere.
Oppure scrivimi subito a lucabartoli@gmail.com

Cosa significa ottimizzare o ottimizzazione di un sito web?

Non sono un gran fan delle definizioni, ma di Wikipedia sì. E l’enciclopedia libera sostiene che

Con il termine ottimizzazione (in lingua inglese Search Engine Optimization, in acronimo SEO) nel linguaggio di internet si intendono tutte quelle attività volte ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web da parte dei motori di ricerca attraverso i loro spider, al fine di migliorare (o mantenere) un elevato posizionamento nelle pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti del web.

In poche parole ottimizzare un sito significa far sì che più utenti possibile lo trovino quando fanno le loro ricerche. Che è poi il motivo per cui stai leggendo questa pagina e continui a farlo nonostante ti abbia punzecchiato più volte e quanto ho scritto fin ora più o meno già lo sapevi. Vediamo di ripagare questa tua fiducia con qualche risposta che ti aspetti meno.

Differenza tra ottimizzazione e indicizzazione.

“Il suo sito è già stato indicizzato da Google! Col tempo vedrà che salirà di posizione. Fanno XXX euro.” Se il tuo webmaster/la tua webagency ti ha detto così e tu l’hai pagato/a, ringrazialo/a. Ti ha dato una lezione che vale per tutta la vita dal titolo “Quanto costa l’ignoranza.”

“Ottimizzare un sito” e “Indicizzare un sito” sembrano, ma non sono la stessa cosa.
Oltretutto un sito solitamente si indicizza da solo, anzi per essere corretti sono i motori che lo indicizzano. Basta che il tuo webmaster non abbia messo dei comandi tipo “noindex” che scoraggia i motori di ricerca a registrare nella propria memoria la presenza del tuo sito, e vedrai che il tuo sito è stato indicizzato.

Se non mi credi, fai questa ricerca sul Google. Cerca:
site:www.nomesito.dominio
Dove per dominio intendo .it, .com e punto quello che ti pare…

indicizzare un sito web

Vedrai che un tot di pagine sono state indicizzate, forse più di quante ne abbia il tuo sito stesso. Il problema è che quando fai le tue ricerche (magari falle in modalità anonima per essere sicuro che non siano influenzate dalle tue visite precedenti) il tuo sito non esce.

Consolati, magari, esce in esima posizione e tu non te ne rendi conto perché ti stanchi prima.

Con che strumenti si misura l’ottimizzazione di un sito?

Se il tuo webmaster ti ha detto “E poi ho installato anche Google Analytics che permette di monitorare il traffico” e ha aggiunto “...e l’ottimizzazione del sito“, prepara una mazza chiodata e progetta di fargli visita nel cuore della notte.

Scherzi a parte, Google Analytics offre dati per analizzare il numero di visitatori e il loro comportamento. Punto. Non è lo strumento giusto per monitorare ottimizzazione di un sito, ma neppure la sua indicizzazione. Anche se è di Google.

La grande G, a questo scopo, offre Google Search Console (altrimenti conosciuto come Webmaster Tools). Calcola che se il tuo fornitore non te l’ha installato o, peggio, non lo conosce, è ufficialmente giunto il momento di cambiare fornitore.

Google Search Console offre dati molto interessanti.

motori di ricerca ottimizzazione

  • click ricevuti dalle ricerche Google;
  • impressioni del tuo sito tra le ricerche di Google;
  • CTR ovvero il rapporto tra impressioni/click;
  • posizione media;

Tutto questo sia per il sito in generale, sia per le singole keyword.

Inoltre ti offre altri dati importanti come:

  • i link che rimandano al tuo sito;
  • lo stato dell’indicizzazione;
  • eventuali errori;
  • metriche relative alla scansione;

indicizzazione sito web

Nonostante questi dati siano fondamentali, non sono sufficienti a dirti quanto è ottimizzato il tuo sito.

Per questo puoi usare www.whatsmyserp.com/serpcheck.php che ti permette di testare fino a 20/25 keyword alla volta, a livello globale o locale. Se hai un sito in italiano, ad esempio, ti conviene testare tutto indicando Italia (google.it).
In alternativa ti segnalo (se whatsmyserp.com fa le bizze, come fa ultimamente) https://www.serplab.co.uk/ dal funzionamento analogo, con meno limiti circa le keywords ma produce grafici dell’evoluzione meno carini.

miglior ottimizzazione siti web

Tieni presente che:

“se non sei in prima pagina (Curr <11) è molto dura tu riesca a fare business con il tuo sito,
se non sei neppure in seconda (Curr <21) è difficile anche ricevere visite,
se non sei neppure in terza (Curr <31), semplicemente non esisti.”

Quanto tempo è necessario per ottimizzare un sito?

“Seo una botta e via”? No, grazie.

Personalmente, ritengo che chi propone di ottimizzare un sito con formule “one shot” o “una tantum” sia un disonesto o un ignorante totale. Ma per esperienza non esistono professionisti ignoranti, al massimo esistono “professionisti improvvisati” (tipo un webmaster che si dà toni da seo specialist). Ma, se nell’improvvisarsi assicura dei risultati, per me rientra nella categoria disonesti.

A mio modestissimo parere, un progetto di ottimizzazione serio dura minimo 6 mesi con verifica mensile dei risultati raggiunti, valutazioni, eventuali modifiche della strategia e chi più ne ha più ne metta.

è più facile indicizzare un sito esistente o uno nuovo?

Già sul finire del ‘900 la verginità non era più considerata un valore. Anzi.
Google è nato nel 1997 e non è solo figlio del suo tempo, ma considera proprio negativamente la verginità/novità di un sito. Sì hai letto bene: un “sito nuovo”, cioè un nuovo url appena registrato con sopra un sito fiammante, bellissimo, stupendo, responsive ecc per il principale motore di ricerca (come per i suoi fratelli), a parità di altri fattori, vale meno di un sito vecchio e brutto, magari fermo da anni.

L’anzianità è un valore per i motori di ricerca, o come lo sintetizzo io
“A Google piacciono le cougar  e impazzisce per le granny”.

Questo ha una spiegazione pratica pratica: i motori di ricerca pensano agli utenti (non hai webmaster, alle web agency e neppure ai proprietari dei siti) e li tutelano siti “improvvisati” (su cui magari qualcuno sta facendo una campagna seo “one shot”). I siti nuovi prima di raggiungere una posizione di rispetto devono meritarsi una certa credibilità.

Quindi se hai un sito vecchio, registrato da anni, caduto in rovina e vuoi ripartire con un sito nuovo fiammante, cambiare l’indirizzo è la più grande c*zzata che potresti fare. Potrei consigliarti la cosa solo in rarissimi casi di penalizzazione per tecniche SEO scorrette, ma parliamo dello 0,00001% dei casi. Nella stragrande maggioranza dei casi, se hai un sito vecchio, su cui non hai mai fatto SEO, nelle mani giuste può valere tantissimo. 

Se poi il tuo fornitore attuale (webmaster, web agency o web amico) ti ha detto che grazie a un redirect non “perderai nulla”, mira il centro del suo naso e colpiscilo con tutta la forza che hai. Tu non sai perché, ma lui sì. E se non lo sa, deve imparare.

Come si ottimizza un sito web?

Considerando che il titolo della pagina è “Ottimizzazione Siti Web | Guida Per Ottimizzare un Sito.” mi sembra anche giunto il momento di porre e rispondere a questa domanda. Non lo farò con una definizione da manuale, ma con un’approssimazione abbastanza comprensibile. Vedi sto ottimizzando il tuo tempo e latua attenzione…

Nella pratica, quando parliamo di ottimizzazione parliamo di due cose diverse e complementari:

  • Ottimizzazione interna: di cui l’aspetto principale sono i testi delle pagine, i metatag e tutto quello che passa per buone pratiche di seo copywriting;(solitamente competenza di un seo copywriter)
  • Ottimizzazione esterna: ovvero tutto quello che, all’esterno del sito, si può fare per renderlo più interessante per i motori di ricerca (solitamente competenza di un seo specialist) che quindi decideranno farlo apparire in alto nei loro risultati. Qui parliamo di link building o come lo chiamo io “seo content marketing” (se clicchi, calcola che l’articolo è abbastanza datato);

SEO copywriter + SEO specialist = SEO specialist copywriter

Per usare una metafora: con l’ottimizzazione interna si rende il sito aerodinamico e con quella esterna lo si spinge più forte che si può per fargli prendere velocità. O il volo, se chi te lo ottimizza è veramente bravo.

Quanto pesano nell’Ottimizzazione  i fattori interni e quanto quelli esterni?

Qui andiamo sul tecnico, quindi devo smettere di scrivere cazzate. E se le voglio continuare a scriverle devo sostanziarle, o almeno giustificare, o almeno citare qualcuno più credibile di me. Eccolo.

ottimizzazione google

Questo grafico è il risultato delle stime dei 72 principali esperti di SEO del mondo sul peso dei singoli fattori. Riassumendolo i fattori interni pesano per circa il 15% mentre quelli esterni su cui un professionista può agire tra il 42% e il 49%
Il resto dipende dalle performance del sito, dal server, dall’host e cose simili.

Per onestà ti ho parlato di “stime” perché nessuno, né i migliori seo specialist del mondo, né tanto meno io, sa l’esatta formula dell’algoritmo di Google. E per non sbagliarsi, la grande G la cambia spesso.

Chi può ottimizzare un sito web?

Ti levo subito il dubbio: tu no. Non te la prendere a male, non è il tuo mestiere. A meno che tu non sia un seo copywriter e un seo (specialist/expert) o un seo copywriter specialist come definisco io chi sa fare entrambe le cose. Ma se lo sei, a che scopo arrivare fin qui a leggere?

Quindi se stai leggendo questa guida con l’intento di scoprire i segreti dell’ottimizzazione e applicarli per il tuo sito, sei cascato malissimo.Non ci sono scorciatoie, trucchetti per ottimizzare un sito più velocemente, tecniche oscure e supercazzole seo. Qui trovi solo il prezioso dei consigli, quello che ti farà risparmiare tempo e molto, moltissimo denaro:

Per ottimizzare il tuo sito, affidati a un professionista dell’Ottimizzazione.

In questo modo avrai chiaro quanto ti costa quest’attività (quindi potrai calcolarne il valore e il ritorno) e non ruberai tempo alla tua attività principale. Se fai da solo, ti preannuncio un fallimento seo, nella migliore delle ipotesi. Ma potresti anche insistere e trascurare la tua attività principale (che poi è il tuo fine, mentre l’ottimizzazione è solo un mezzo).

Se vuoi, posso consigliarti chi ha ottimizzato il mio sito con risultati notevoli (non a caso sei finito su questa pagina) e quelli di chi mi ha chiesto consiglio fino a oggi con risultati anche migliori, scrivimi pure a lucabartoli@gmail.com

Quanto costa l’Ottimizzazione di un sito?

A parere mio, un listino standard è contrario all’idea stessa di “ottimizzazione” che per me è una sorta di mix tra efficacia ed efficienza.
In teoria, i fattori che influenzano il costo di un progetto di ottimizzazione sono per lo più:

  • la situazione attuale;
  • l’intervento necessario (fattori interni e/o esterni);
  • il numero di keyword su cui si desidera ottimizzare il sito;
  • la competitività delle serp;
  • il potenziale ritorno dell’investimento;

Ma spesso a guidare il tutto è il budget disponibile.
Basta chiarire, da subito, che investimento seo e risultati seo sono più che direttamente proporzionali e sotto una certa cifra al mese (per almeno 6 mesi) tanto vale trovare altre forme di promozione.

SEO low budget = low results.

Un professionista onesto si riconosce dalla chiarezza.

Come scegliere il professionista che può ottimizzare il tuo sito.

Tu andresti mai da un dietologo grasso?
Seguiresti i consigli di un personal trainer che fisicamente lascia molto a desiderare?
Andresti mai da uno psicologo fuori di testa?

Io no. Magari i miei sono solo pregiudizi, ma credo che la coerenza conti (per la cronaca, anche i motori di ricerca la pensano come me). Ne deriva che se è un vero “esperto di ottimizzazione” non ha bisogno di venirti a cercare.

Se è veramente bravo, sei tu a cercarlo e trovarlo sui motori di ricerca (più o meno come hai fatto con questa pagina) e a chiedergli un preventivo. Diffida quindi da chiunque faccia Push marketing (telefonate, mail non richieste, annunci pubblicitari, ma anche Google Adwords…) se è davvero bravo non gli serve. E se li usa non è abbastanza bravo.

ottimizzazione push pull marketing

Conclusione per “Ottimizzazione Siti Web | Un’Ottima Guida Per Ottimizzare il tuo Sito”.

Penso che si potrebbe riassumere tutto quello che ho scritto con due considerazioni:

  1. Se il tuo sito non è ottimizzato, non vale nulla. Anzi meno di nulla.

  2. Se vuoi ottimizzare il tuo sito, non perdere tempo e chiedi a un professionista SEO.

Per commenti, insulti o consigli, la mia mail è sempre: lucabartoli@gmail.com

Facebook Twitter Email